scusate, ma questa poesia ci sta benissimo nel mio blog… Complimenti all’autore Matt Targat e al traduttore Flavio Almerighi…

 
Fa male provare ad aprirlo.
Così, ho fatto come sempre,
sono andato al pub a leggere un libro.
Questa volta ero nel libro.
Il bar era pieno, così sono rimasto in piedi nell’angolo
e ho preso una birra scura.
Il rumore delle molte conversazioni
sbiadì, come succede sempre quando leggo,
ma quando ho toccato il libro sembrava elettrico.
“Eccomi,” pensai. ”
Sto per leggere la mia storia”. Ma non potevo farlo. Ho aperto il libro a pagina 62.
Diavolo, ho persino fatto una foto.
Ma non ho potuto leggere la mia breve storia.
Non potevo nemmeno andare oltre la seconda riga.
Non sono sicuro del perché. Non so cosa sia successo.
Molto probabilmente leggerò tutti gli altri e non leggerò mai il mio.

mtaggartwriter

It hurt to try and open it.
So, I did what I’ve always done
and went to a pub to read a book.
Only this time, I was in the book.
The bar was full so I stood in the corner
and ordered a dark beer.
The noise from the many conversations
faded, as they always do when I read,
but when I touched the book it felt electric.
“Here I am,” I thought. “About to read my own story.”
But I couldn’t do it. I opened the book to page 62.
Hell, I even took a picture.
But I couldn’t read my short story.
I couldn’t even get beyond the second line.
I’m not sure why. I don’t know what happened.
I’ll most likely read all the others and never read mine.

-M. Taggart

book view

View original post

26 Comments on “poem-

  1. Ah! Pensa che l’ho letta sul blog dell’autore poco fa e ne sono rimasta colpita. Non avevo visto il tuo post di qualche minuto precedente, dove leggo la traduzione di Flavio Almerighi, molto riuscita. Complimenti. Mi piacerebbe aggiungerla come commento al reblog che ho fatto, se posso.

    Piace a 1 persona

  2. Come sarebbe il cosiddetto genere umano se non esistesse la poesia ??? Grazie come sempre Barman, per il tuo post e per i commenti alle mie foto. Facciamoci un blood mary seguito da due o tre belle Samichlaus. Non esagero Barman, quando ci vuole – ci vuole !

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

filosofeggiando in allegrezza

Diario di bordo di un ingegnere in giro per il mondo

Fantastici Stonati

Ci vuole molta fantasia per essere all'altezza della realtà

Zurumpat!

Un blog di Giusi Sciortino (Giuseppina)

graziadenaro.wordpress.com/

Mandorle e sale Poesie

Il primo amore

qui si beve di tutto: servitevi !!!

Low Profile

Vôla bas e schîva i sas

Lividi e Musica

La buona musica fa male

La dimora dello sguardo

qui si beve di tutto: servitevi !!!

fardrock.wordpress.com/

Ovvero: La casa piena di dischi - Webzine di canzonette e affini scritta da Joyello Triolo

a closer listen

a home for instrumental and experimental music

Off Topic

Solo contenuti originali

Black roses for me

The pleasure and the pain by Marianne Peyronnet

Rock And Roll

& Other Sounds

Reverendo Lys ®

Tutto ciò che so e che mi importa della vita è chiuso tra 7 e 12 pollici di vinile nero.

Sun 13

The Best Music - from Liverpool to Beyond

idastamile

http://idastamile.wordpress.com/

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: