julian charriere towards no earthly pole-7

Julian Charrière è un giovane artista svizzero, già insignito di numerosi premi internazionali, con una carriera alle spalle che può annoverare performance nelle più impostanti sedi espositive. Attualmente è presente al LAC di Lugano con questa video-installazione, la quale, non solo si ricollega con la mia precedente recensione, ma accentua lo spessore delle dinamiche urgenti riguardanti il riscaldamento globale, e la suggestione incombente sempre a metà fra l’introspezione personale e il dramma su larga scala.

julian charriere towards no earthly pole-1

Questo progetto prende corpo da una serie di filmati realizzati noi luoghi più difficili e inospitali della Terra, sia in Antartide che nel Polo Nord, tra cui i ghiacciai della Groenlandia, dell’Islanda, per poi confluire in paesaggi più vicini a noi come quelli del Rodano e dell’Aletsch, e del Monte Bianco. L’ambientazione viene strutturata all’interno di un’enorme sala completamente al buio, dove si viene immersi in un’atmosfera sensoriale dall’aspetto cupo e nello stesso tempo, etereo. Dei manufatti raffiguranti il lavoro dell’uomo con un’infinita serie di “carotaggi” che ricordano in certo senso degli alveari, fanno da cornice a un filmato proiettato a 360°, il quale evidenzia in successione i paesaggi di cui sopra, trasformandoli in simulacri dall’aspetto sinistro, come se fossero delle sculture in attesa della morte.

julian charriere towards no earthly pole-3
julian charriere towards no earthly pole-2

Il buio intorno è veramente incombente e in alcuni istanti, claustrofobico, riuscendo a generare sia paura e sia una quiete assoluta, trasformando via via l’oggettivazione narrata in un paesaggio lunare dall’aspetto orrorifico. Non esiste la presenza dell’uomo, ne di alcun animale, ma il silenzio viene miscelato con un plumbeo spostarsi di suoni, talmente indefinibili da assomigliare all’ipotetica discesa verso un buco nero. Dietro di noi c’è il niente, e davanti, l’assenza e lo smarrimento, il quale, vorrebbe diventare fascinoso, ma prevale l’avvicendarsi dell’immobilità e dell’annichilimento.

julian charriere towards no earthly pole-8
julian charriere towards no earthly pole-9
Con il titolo di Towards No Earthly Pole quest’artista emergente ripropone la sua ricerca stilistica sempre intrisa di geologia, estetica, psicologia e storia, giusto per mediare fra l’aspetto antropologico che riguarda l’uomo, e quello di una strutturazione politica sempre più distruttiva. Non è casuale che il senso di denuncia è riprodotto proprio circondando il fruitore con un buio cosmico, il quale ci porta nelle vicinanze di un pianeta alieno e configurando un eventuale aspetto derivativo nell’assenza della vita. A noi non resta che intuire quali potrebbero essere le conseguenze delle nostre manipolazioni, sempre in agguato sugli equilibri che ci circondano.

julian charriere towards no earthly pole-5
julian charriere towards no earthly pole-10

Se alla fine della performance (o dall’inizio: dipende sempre come si vuole interpretare l’installazione), l’acqua di una fontana brucia, è perché non diamo mai il valore necessario alle nostre vere ricchezze, e non consideriamo che il bene dell’umanità è tutto intorno a noi.
Poi ognuno può intravedere la sua personale introspezione emozionale, anche perché questa immersione totale, è come una lunghissima apnea, in cui annullato il senso di paura, ci si può lasciar andare in uno stato di pre-morte simulando un sonno criogenico. Volendo ci si può anche far ibernare per fuggire alla violenza che ci circonda, oppure, si può cercare di oltrepassare quel confine che ci separa dall’altro mondo.

julian charriere towards no earthly pole-6

Alla fine però non si vede l’ora di uscire per respirare un po’ di luce: per vedere la luce (!); giusto perché nel decidere se scegliere la poetica dell’opera d’Arte o la restituzione della vita, scegliamo la vita, e nello stesso momento, l’artista ha raggiunto il suo scopo.

Salute ragazzi… alla prossima !

il Barman del Club

18 Comments on “JULIAN CHARRIÈRE – towards no earthly pole

  1. Il ministro ha detto che dal prossimo anno il riscaldamento globale sarà materia di studio (potrebbero accorparlo a religione, tanto più o meno siamo lì). Certo che sono proprio vecchio, sono scampato alla nuova era glaciale che stava arrivando quando ero ragazzo ed ora questo.
    Come passano le ere, eh? La mostra al LAC andrei però a vederla, a giudicare dal tuo post sembrerebbe una delle migliori lì presentate. Ciao, solo un caffè, devo guidare, grazie.

    Piace a 1 persona

  2. Quanto a questo, sicuramente. Ma io dicevo che siccome “sglaciale” come battuta era glaciale, ben ha fatto l’ IA ad intervenire. Salud y saludos.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: