01-Ryoji-Ikeda-micro-macro-installazione

Futuri imprevedibili

A volte non rimane spazio sufficiente
per fermare
la deriva di un continente
credendo di sostare
dove non ci sono scosse
anche se le ipotesi
non sanno
quando ci sarà l’apocalisse

Dove la terra trema 
si può vivere in silenzio
cancellando 
le radiografie del tempo
Si può urlare
riscrivendo ad alta voce
l’alfabeto di tutte le esplosioni
sopra un vocabolario
Ad una ad una si spuntano le croci
delle bombe inesplose
ancora da disinnescare
ma
il cammino raccoglie
troppi passi    troppi sassi
sopra i campi minati
che vorresti arare
per seminare qualcosa di diverso

È il futuro che si vorrebbe vivere
un giorno prima dell’attesa

un giorno prima della resa

Antonio Bianchetti

da “Non so se ho scritto troppo sull’amore”
Quaderno dell’Àcàrya n° 55

Ryoji-Ikeda-installazione

Immagine iniziale e finale, installazione dell’artista Ryoji Ikeda: “The Planck Universe – Micro/Macro”

10 Comments on “FUTURI IMPREVEDIBILI

  1. La Nuova Era è alle porte… Ne vedremo delle belle (per i “folli” come me che ostinatamente credono che qualcosa di meglio può esserci). Ora stiamo vivendo il caos, difficile fare pronostici, ma un futuro c’è e nasce proprio dalla speranza, da un seme piantato nel solco del cuore.
    Complimenti Antonio, mi piace la musicalità del testo e l’incisività, che ne traccia la bellezza. Ciao 😊

    Piace a 1 persona

    • Ti ringrazio Catia, fai sempre dei commenti molto belli che rispecchiano la tua sensibilità. D’altronde non sei l’unica “folle” che vuole gioire nella vita. Se ci sono uomini che pensano solo al denaro e alla guerra, ce ne sono altrettanti che credono ancora nella bellezza e nella voglia di esprimere un sentimento autentico. Buon fine settimana 🙂

      Piace a 1 persona

  2. Attesa e resa, una rima molto significativa, a volte penso che già l’attesa sia un fossilizzarsi nel nulla, dando al tempo e alla deriva dei continenti l’impossibilità di lasciarci vivere. Un brano di grande spessore, sul senso della vita e sulla forbice che si allarga tra quella che è e quella che vorremmo.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Fantastici Stonati

Ci vuole molta fantasia per essere all'altezza della realtà

Zurumpat!

Un blog di Giusi Sciortino (Giuseppina)

graziadenaro.wordpress.com/

Mandorle e sale Poesie

Il primo amore

qui si beve di tutto: servitevi !!!

Low Profile

Vôla bas e schîva i sas

Lividi e Musica

La buona musica fa male

La dimora dello sguardo

qui si beve di tutto: servitevi !!!

fardrock.wordpress.com/

Ovvero: La casa piena di dischi - Webzine di canzonette e affini scritta da Joyello Triolo

a closer listen

a home for instrumental and experimental music

Off Topic

Solo contenuti originali

Black roses for me

The pleasure and the pain by Marianne Peyronnet

Rock And Roll

& Other Sounds

Reverendo Lys ®

Tutto ciò che so e che mi importa della vita è chiuso tra 7 e 12 pollici di vinile nero.

Sun-13

The Best Music - from Liverpool to Beyond

idastamile

http://idastamile.wordpress.com/

downatthecrossroads

Where the blues and faith meet

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: