Big Daddy's Breakfast Voodoo - The Black Cat Bone Spell

Per chi ha la nostalgia del vecchio bluesaccio del delta, questo è il disco che fa al caso suo: la copertina è lì ha dimostrarlo e non lascia niente al caso. La puzza che si sente fra queste tracce è quella solita delle paludi, delle sbronze fino a tarda notte, delle schitarrate eseguite nei localacci malfamati dove l’alcol trasuda dalle pareti e dai muri pieni di muffa colorata, quasi fossero quadri perduti nella polvere dei perdenti. Eppure, la forza e la vitalità che offrono questi pezzi sembrano produrre quel desiderio d’immortalità travisato come un sogno, un desiderio che dura proprio il tempo di una canzone, per poi ritornare ad affogare nel piccolo bicchiere di un’esistenza stretta nei pantaloni sporchi del tuo monotono lavoro. La musica vive di questi impeti e di queste violenze: essenze nate proprio per sfogare anche in un breve spazio di cinque minuti, e poi altri cinque, e poi altri cinque, il tuo riscatto giornaliero.

Big Daddy's Breakfast Voodoo - The Black Cat Bone Spell-3

Cosa volete che vi dica, ogni tanto mi devo ubriacare di questa musica, anche se a casa mia ne ho a quintalate, per non dire un treno di vagoni merci infinito, però, come ho premesso diventa inevitabile farsi trascinare dentro una spirale di suoni corrosivi e muscolari fino allo sfinimento, continuo e inarrestabile. Sono queste le emozioni che si cercano per liberarsi dai proprio demoni, altro che musica blasfema. Magari le loro storie non ci diranno niente perché ci raccontano le solite menate, ma non è questo che conta: è il ritmo, la forza, l’irresistibile virtuosismo degli strumenti essenziali che ci portano sotto il palco (o sotto lo stereo) a dimenarci per un attimo di liberazione.

Big Daddy's Breakfast Voodoo cover album

Tra l’altro se leggiamo che questi marpioni navigati arrivano da Amsterdam, possiamo capire quanto sia importante in un mondo complesso come il nostro, essere appassionati di certe sonorità e di certe potenzialità sempre vissute a metà con il blues più vigoroso e il rock’n’roll più sanguigno. Sono tanti le variabili di questo genere, anche se gira sempre intorno ai soliti accordi, ma è proprio questo il punto: ogni tanto si sente l’anima di chi lo interpreta e proprio per questo ci immedesimiamo in loro, con il loro retroterra e la loro voglia di essere, perché è inevitabile, quando entriamo in un Pub, in un Club o in un Bar dove si esegue musica dal vivo, ci accorgiamo subito di chi suona oltre il mestiere che ha dentro.

Link traccia d’ascolto
Link traccia d’ascolto
Link traccia d’ascolto

E dentro questi “ragazzi” respiriamo delle note che vanno dai Motörhead a John Campbell, passando per R.L. Burnside, Buddy Guy e George Thorogood, giusto il tempo per fare una bella shakerata di black and white con una spruzzata southern e il gioco è fatto. Ogni loro esibizione live è sempre un’esperienza trascinante che va al di là di tutte le birre bevute, perché non esiste un attimo di pausa o un momento di tranquillità: l’elettricità schizza sempre a mille all’ora diventando via via una catarsi dove converge tutta l’impossibilità di poter fuggire, perché è sempre così, sarete sempre prigionieri di una chitarra infuocata. Lo dicono anche gli psicologi: il fascino del fuoco e direttamente proporzionale all’estasi dell’amore. Non è casuale che le due cose vengono sempre accomunate. Allora! Che aspettate a baciarvi?

Big Daddy's Breakfast Voodoo - The Black Cat Bone Spell-2

Cosa volete che vi dica, mi è venuta una gran sete e mi sembra giusto bere insieme a loro, insieme a voi, senza un attimo di pausa, divertendoci…
Salute ragazzi !

il Barman del Club

17 Comments on “Big Daddy’s Breakfast Voodoo – The Black Cat Bone Spell

  1. m’inviti a nozze col blues, sicuramente vitali e frizzanti con qualche punta di contaminazione di altri generi, mi sono piaciuti,
    anche se il “vecchio” blues del delta mi riporta immancabilmente a quell’immenso bluesman che di nome fa Robert Johnson, a proposito sto preparando un post proprio su di lui (almeno provo 🙂 ). E poi gente come Charley Patton, R.L. Burnside, Skip James, Eddie James “Son” House, Bukka White e altri, veri monumenti.
    Ciao

    Piace a 1 persona

  2. Pingback: Big Daddy’s Breakfast Voodoo – The Black Cat Bone Spell — Intonations Cocktail Club 432 – Imperia notix "cauos post's" 😉 "servellu" by guido arci camalli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Il primo amore

qui si beve di tutto: servitevi !!!

Low Profile

Vôla bas e schîva i sas

Lividi e Musica

La buona musica fa male

La dimora dello sguardo

qui si beve di tutto: servitevi !!!

fardrock.wordpress.com/

Ovvero: La casa piena di dischi - Blog di canzonette e affini scritto da Joyello Triolo

a closer listen

a home for instrumental and experimental music

Off Topic

Solo contenuti originali

Black roses for me

The pleasure and the pain by Marianne Peyronnet

Rock And Roll

& Other Sounds

Reverendo Lys ®

Tutto ciò che so e che mi importa della vita è chiuso tra 7 e 12 pollici di vinile nero.

Sun-13

The Best Music - from Liverpool to Beyond

idastamile

http://idastamile.wordpress.com/

downatthecrossroads

Where the blues and faith meet

music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

Il pensiero permanente

Non importa a cosa, l'importante è pensare

Don't Eat The Yellow Snow

Everybody's talking 'bout the stormy weather

TURN UP THE VOLUME

Dope Blog for Music Junkies and Gig Addicts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: