hooveriii-water for the frogs

Per chi ama le sonorità “kraut” inzuppate di psichedelia con una venatura melodica tanto per non farvi mancare niente, questo è il disco che fa al caso vostro. Dannatamente ritmici, fottutamente coinvolgenti, follemente estroversi, questo ensemble losangelino nato da un progetto del solista Bert Hoover si è poi allargato a una vera e propria band, completando un progetto che via via ha preso corpo aggiungendo sempre più elementi alla struttura di base composta da tre persone. Non è casuale che il nome, pronunciato Hoover Three, originariamente stilizzato in Hoover III, si è poi variegato in Hooveriii, quasi a valorizzarlo come un acuto in tutto il loro contesto musicale.

hooveriii-cover-album

Questo loro primo lavoro, riprodotto  prima su musicassetta ed ora su LP, riesce a far interagire delle sonorità europee con quelle americane, soprattutto con quelle della costa californiana che riecheggiano nel dinamismo delle chitarre, cariche di fluttuazioni alte e di variazioni lisergiche. Sta di fatto però che l’hanno composto in Germania, proprio per la loro passione verso certi suoni legati ai Corrieri Cosmici, e precisamente a Furth nel nord della Baviera, rinchiusi in un bunker adibito a sala prove, dove hanno creato tutti i brani.

Link traccia d’ascolto

Il risultato è come dicevo sorprendentemente piacevole, perché sono riusciti a bilanciare in maniera perfezionistica una capacità di suono che alla fine s’identifica con uno stile particolare, in cui, anche la voce, s’incastra molto bene dentro questa scioltezza compositiva, vitale e frizzante. Tra l’altro quello che colpisce è proprio l’unità dentro questa varietà, non tanto per giocare con le parole, ma per completarsi con un importante detto conosciuto a livello artistico e in questo caso perfettamente messo in pratica da questi validi ragazzi.

hooveriii-cover-album-2

L’album si apre con “Cindy” dove un incedere quasi marziale inizia ad aprire le danze per quello che succederà dopo, trascinati da un coro e da una chitarra che eseguono la traccia melodica quasi fosse un incipit necessario. Ma è con “Control“, il secondo pezzo, che inizia la vera essenza del disco, tutto strutturato come ho già anticipato da un vocalismo orecchiabile mentre una chitarra acida fa da sfondo a tutta la scena. L’essenza kraut emerge e si miscela con le tracce susseguenti: “Hang em’ high” e “Shooting Star” sempre in equilibrio tra il delirio lisergico e i ritmi tribali che lo accompagnano, a volte forsennati e a volte lenti, interagendo alla Black Angels per intenderci, un insieme di suoni perfettamente in sincrono, fino a trasferirsi nella visionarietà dei Devo.

hooveriii-cover-album-3

Il lato B inizia con “We’re Both Lawyars“, in cui è proprio la sezione ritmica a condurre un pezzo strumentale, psichedelico quanto basta prima di un’accelerazione che trascina le chitarre nel loro vortice in fiamme. Ma è con le ultime due tracce “Erasure” e “Gone” che l’album passa a un livello superiore, in cui, la commistione fra tutte le vibrazioni ascoltate in terra tedesca e rigenerate nel suolo americano si fondono per interagire fra di loro, partorendo un incedere sincopato quanto basta per andare in giostra. Sta di fatto che il pezzo di chiusura emerge con tutto il suo spessore, proseguendo nella sua unità di stile, fatto di compostezza formale e retrogusto schizoide. Non è casuale che dopo un’intro vocale le chitarre vorrebbero divagare alla loro maniera ma si fermano al momento giusto, prima che un sax subentri generando un’apoteosi simile a quella che chiude “fun house – l.a. blues” degli Stooges. Forse non siamo a quei livelli, ma il termine di paragone serve per coinvolgerci e portarci nei territori delle idee qui esposte, come un cavallo che vorrebbe galoppare a perdifiato, ma le briglie lo fermano al momento giusto.

Link traccia d’ascolto

Fondamentalmente questi ragazzi sono partiti con il piede giusto e hanno la possibilità di continuare nella loro evoluzione, sicuramente interessante quanto basta per farsi piacere e apprezzare. Saranno anche eccentrici, ma se non si divertono a vent’anni quando lo dovranno fare?

hooveriii water for the frogs-3

Poi, è anche vero che il divertimento non ha età, e allora godiamoci tutti i suoni del mondo accompagnati da una bella birra che vi offro volentieri.
Alla prossima ragazzi!

il Barman del Club

11 Comments on “Hooveriii – Water For the Frogs

  1. tra le influenze hai dimenticato i power rangers (non nomino i Chrome per non bestemmiare). Comunque grazie per la birra. Ciao.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Fantastici Stonati

Ci vuole molta fantasia per essere all'altezza della realtà

Zurumpat!

Un blog di Giusi Sciortino (Giuseppina)

graziadenaro.wordpress.com/

Mandorle e sale Poesie

Il primo amore

qui si beve di tutto: servitevi !!!

Low Profile

Vôla bas e schîva i sas

Lividi e Musica

La buona musica fa male

La dimora dello sguardo

qui si beve di tutto: servitevi !!!

fardrock.wordpress.com/

Ovvero: La casa piena di dischi - Webzine di canzonette e affini scritta da Joyello Triolo

a closer listen

a home for instrumental and experimental music

Off Topic

Solo contenuti originali

Black roses for me

The pleasure and the pain by Marianne Peyronnet

Rock And Roll

& Other Sounds

Reverendo Lys ®

Tutto ciò che so e che mi importa della vita è chiuso tra 7 e 12 pollici di vinile nero.

Sun-13

The Best Music - from Liverpool to Beyond

idastamile

http://idastamile.wordpress.com/

downatthecrossroads

Where the blues and faith meet

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: