Nel 2011, esattamente dieci anni fa, pubblicai un post dedicato a un bellissimo libro di Angelo Ferracuti: “IL COSTO DELLA VITA – Storia di una tragedia operaia”angelo-ferracuti-il-costo-della-vita, incentrato proprio su una delle tante disgrazie avvenute in Italia, e che purtroppo, ogni tanto ricordo perché è inammissibile morire sul lavoro. Volevo proprio terminare quest’anno parlando di questo problema, perché come spesso succede, passata l’ondata emotiva del momento, dimentichiamo tutto troppo in fretta, soprattutto in questo periodo dove si parla sempre e troppo d’altro.
Il potere si sa, deve sempre inventarsi qualcosa per distogliere lo sguardo dalle situazioni delicate, ed ecco che s’inventa i no-global, i no-tav e per ultimo o i no-vax, giusto il tempo per giustificare il suo fine, come in “1984” la finta resistenza, e proprio per questo mi sono sempre chiesto perché nessuno ha mai protestato sulle cosiddette “morti bianche”? Perché nessuno ha mai manifestato davanti a queste tragedie quotidiane? Ragazzi, si parla di 100 morti al mese! Perché?
Io non mi dilungo sull’argomento: volevo soltanto fare una riflessione giunto alla fine del 2021, in cui mi risulta difficile festeggiare. Se volete andatevi a leggere il mio vecchio articolo dove mi sono sfogato. Volevo soltanto aggiornare il bollettino che allora si fermò in quell’anno. 2012: 790 morti. 2013: 660 morti. 2014: 663 morti. 2015: 694 morti. 2016: 1018 morti. 2017: 1206 morti. 2018: 1201 morti. 2019: 1156 morti. 2020: 1538 morti. 2021: 1023 morti. E questi sono soltanto i dati ufficiali, ripeto, quelli ufficiali, perché il bollettino è senz’altro peggiore.
Va bene, mi fermo qui: gli auguri ve li faccio con un post meno drammatico, come  faccio tutti gli anni parlando di musica. Per ora rimaniamo un attimo in silenzio…

20 Comments on “LA STRAGE CONTINUA – è inammissibile morire sul lavoro

  1. Caro Barman, sai che proprio in questi giorni riflettevo sul numero delle morti bianche. Sono troppe davvero anche pochi giorni.
    Spero che questo tuo post possa far riflettere i tuoi lettori.
    Concordo con la tua idea di distrazione di massa. Buonanotte.

    Piace a 1 persona

  2. le manifestazioni comunque si fanno. E vengono ignorate. e lo sappiamo che se una cosa non succede sui media, allora semplicemente non succede. auguri.

    Piace a 1 persona

  3. Come al solito, i morti sul lavoro continuano a crescere, perché la vita dei lavoratori viene trattata con noncuranza. Non ci sono deterrenti perché essa venga salvaguardata. Ed ogni volta c’è lo strazio del momento, la gente s’indigna, ma l’andazzo sulla salvaguardia della loro vita è sempre quello: Che pena infinita. Si spera sempre che tutto possa migliorare. Buon inizio di settimana Antonio, Grazia.😊😘

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Fantastici Stonati

Non potrò mai far carriera, nel giornale della sera, anche perché finirei in galera

Zurumpat!

Un blog di Giusi Sciortino (Giuseppina)

graziadenaro.wordpress.com/

Mandorle e sale Poesie

Il primo amore

qui si beve di tutto: servitevi !!!

Low Profile

Vôla bas e schîva i sas

Lividi e Musica

La buona musica fa male

La dimora dello sguardo

qui si beve di tutto: servitevi !!!

fardrock.wordpress.com/

Ovvero: La casa piena di dischi - Webzine di canzonette e affini scritto da Joyello Triolo

a closer listen

a home for instrumental and experimental music

Off Topic

Solo contenuti originali

Black roses for me

The pleasure and the pain by Marianne Peyronnet

Rock And Roll

& Other Sounds

Reverendo Lys ®

Tutto ciò che so e che mi importa della vita è chiuso tra 7 e 12 pollici di vinile nero.

Sun-13

The Best Music - from Liverpool to Beyond

idastamile

http://idastamile.wordpress.com/

downatthecrossroads

Where the blues and faith meet

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: