Snapped Ankles - Forest Of Your Problemsjpeg

Nell’ultima ondata neopost-punk britannica, una band che ha deciso d’intraprendere un percorso diverso anche se parallelo, è proprio questa dal nome stravagante e dall’altrettanto insolita miscela, che riesce ad accomunare divagazioni kraut, ritmiche funky, inflessioni wave e contaminazioni elettroniche dall’impatto effervescente; e forse, proprio per queste loro divergenze, la loro non-collocazione li ha resi talmente diversi da risultare famosi in senso più obliquo delle altre. Tra l’altro, esibendosi sempre mascherati e non conoscendo la loro identità, tutto questo alone di mistero dall’impatto tribale (i loro travestimenti riecheggiano un animismo dal retrogusto ecologico), ha fatto si che il loro pubblico si è automaticamente scremato in senso positivo, ma nello stesso tempo sono diventati dei protagonisti di nicchia, insieme ai loro spettacoli sempre vicini ad un impatto multimediale e uno scatenamento techno-dance altrettanto coinvolgente.

Snapped Ankles-covers-album

Come i precedenti, anche quest’ultimo lavoro è molto piacevole d’ascoltare: complici i guizzi creativi e la forsennata base ritmica che non accenna a un attimo di respiro, come se la stessa s’inseguisse al cardiopalma, senza mai riuscire a raggiungersi. Tutto l’album è un continuo sovrapporsi di groove ininterrotti in cui l’impronta psichedelica crea un collante molto appariscente nelle diverse tipologie di suono che emergono dappertutto. Al di là dei travestimenti usati si possono scomodare i paragoni  con i Devo, i Soul Coughing o gli LCD Soundsystem miscelati insieme, ma tutto questo serve per circoscrivere un’impronta decisamente godevole nell’ascolto con una ricerca interessante che emerge da tutti i pori.

Link traccia d’ascolto
Link traccia d’ascolto

Probabilmente questo è il completamento di una trilogia iniziata con “Come Play the Trees” del ’17 e proseguita con “Stunning Luxury” del ’19, con nel mezzo quel “21 Metres From Hebden Bridge” espressione live della loro vitalità. Fondamentalmente, la critica della società contemporanea accentuate nella mitologia della foresta, in cui uomini-albero saranno la forza della prossima rinascita, costruisce un percorso che cerca di avviluppare tutte le derive più tecnologiche possibile, convergendole in un concetto altisonante che, buttandosi a capofitto nel vortice impazzito che ci circonda, finirà per essere inghiottito dalla natura stessa come madre di tutte le cose, e proprio per questo, redentrice e depositaria della vita.

Snapped Ankles-live
tutte le foto sono prese dal web

Sono tanti i film di fantascienza dove le macchine prendono il sopravvento per diventare padroni del pianeta, e se in questo caso tutto sembra coincidere con questa letteratura fino all’annichilimento, alla fine la musica sarà il tramite, non solo per godere di un’ora di buone canzoni, ma la soluzione e la risposta per uscire dall’anonimato vincendo la partita. Che dire ancora, bisogna ascoltare e ascoltare ancora, fino a farsi ammaliare da questo sabba robotico per capire quanto sia importante il colore di un albero. Per il momento e come sempre, io cercherò di perdermi nel colore di una buona birra, perché, bevendola tutta d’un fiato, potrò gustarmi ancora meglio questo disco fantasmagorico e ricchissimo di sussulti divertenti e intelligenti.
Salute ragazzi!

il Barman del Club

15 Comments on “Snapped Ankles – Forest of Your Problems

    • Sono forse adatti a un pubblico particolare che ricerca cose speciali, e non melodie facili, ma io scandaglio queste esperienze diverse dalla consuetudine, e mi crogiolo nel loro interno. Grazie dell’apprezzamento 😉 Un brindisi a te !

      Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Fantastici Stonati

Non potrò mai far carriera, nel giornale della sera, anche perché finirei in galera

Zurumpat!

Un blog di Giusi Sciortino (Giuseppina)

graziadenaro.wordpress.com/

Mandorle e sale Poesie

Il primo amore

qui si beve di tutto: servitevi !!!

Low Profile

Vôla bas e schîva i sas

Lividi e Musica

La buona musica fa male

La dimora dello sguardo

qui si beve di tutto: servitevi !!!

fardrock.wordpress.com/

Ovvero: La casa piena di dischi - Webzine di canzonette e affini scritto da Joyello Triolo

a closer listen

a home for instrumental and experimental music

Off Topic

Solo contenuti originali

Black roses for me

The pleasure and the pain by Marianne Peyronnet

Rock And Roll

& Other Sounds

Reverendo Lys ®

Tutto ciò che so e che mi importa della vita è chiuso tra 7 e 12 pollici di vinile nero.

Sun-13

The Best Music - from Liverpool to Beyond

idastamile

http://idastamile.wordpress.com/

downatthecrossroads

Where the blues and faith meet

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: