Categoria: 01) CANNED HEAT – Musica tossica

Pillole di salame 4 – musica e quiete (aperitivo da meditazione)

Mi sembrava giusto terminare questo giro di aperitivi (dopo averne fatti tre ad alto volume), con un tranquillo relax per sorseggiare tutta la poesia che circonda la nostra vita. Davvero… Non è retorica, ma voglia di chiudere gli occhi: sognando se volete, o magari semplicemente per ascoltare un po’ di buona musica e bere qualcosa di accattivante, proprio per terminate una giornata frenetica nel … [Continua a leggere Pillole di salame 4 – musica e quiete (aperitivo da meditazione)]

Pillole di salame 3 – musica e furore (aperitivo in fiamme)

Tranquilli, nessuna mania incendiaria… Il fatto è che, di fronte a una musica fantastica come quella che vi sto per proporre, ci si sente bruciare dentro, con una vitalità, pronta per farci fare il giro del mondo cantando, ballando o se preferite, mettendoci a suonare la chitarra del vento, va bene anche quella (ci sono anche dei campionati del mondo) (!)  Di conseguenza, questo … [Continua a leggere Pillole di salame 3 – musica e furore (aperitivo in fiamme)]

Pillole di salame 2 – musica e psichedelia (aperitivo in trip)

Dentro quest’anno sfortunato, bisogna lasciarsi andare, dimenticando per un momento tutto quello che ci circonda, sia nel bene e sia nel male, per questo motivo un tuffo nel mondo psichedelico di questo 2020 è un atto di rivolta necessario per darci una scossa. Chiaramente, stiamo entrando nei territori dove la forma canzone è solamente un optional, perché il viaggio lisergico che ci aspetta è … [Continua a leggere Pillole di salame 2 – musica e psichedelia (aperitivo in trip)]

Pillole di salame 1 – musica e ritmo (aperitivo in movimento)

Purtroppo in questo periodo i Bar sono chiusi per colpa di questo virus ambiguo, allora, vi delizierò  con la prima di quattro parti della mia solita rubrica annuale, in cui ricerco degli album particolari usciti nell’anno in corso, gustandoli con degli ottimi aperitivi. D’altronde, se negli anni ’70 si diceva guardando quello che sarebbe avvenuto con l’avvento del 2000, che avremmo mangiato solamente pillole … [Continua a leggere Pillole di salame 1 – musica e ritmo (aperitivo in movimento)]

GIÖBIA – Plasmatic Idol

Questo italianissimo quartetto milanese è ormai una realtà internazionale, un po’ perché nei territori nordeuropei questo genere musicale oltre ad essere un’istituzione, ha un seguito eccezionale sia come critica e sia come pubblico, ma anche perché riuscire a coniugare passato e presente insieme a classe e passione non è roba da tutti i giorni, soprattutto all’interno di un caleidoscopio come questo dove pullula tutto … [Continua a leggere GIÖBIA – Plasmatic Idol]

NADINE SHAH – Kitchen Sink

Quest’artista anglo-pakistana di Newcastle continua la sua battaglia personale e il suo impegno civile, utilizzando la musica come una denuncia senza mezzi termini. Partendo dalla stereotipata raffigurazione che vuole la donna come angelo del focolare (poi invece schiavizzata nelle quattro mura della cucina), elabora un discorso lirico dall’originalità sorprendente, pieno di colore e di sfumature, utilizzando un cromatismo sfaccettato che varia proprio in base … [Continua a leggere NADINE SHAH – Kitchen Sink]

FONTAINES D.C. – A Hero’s Death

Dopo il bellissimo disco d’esordio dell’anno scorso, questo quintetto di ragazzi originari di Dublino pubblicano il loro secondo lavoro, sull’onda di un successo sorprendente che ha sicuramente cambiato le loro vite. È innegabile che nell’affollato mondo musicale di oggi, basta un singolo azzeccato per farsi notare, come nello stesso tempo è facile scomparire al primo passo falso, subito sostituiti dal gruppo susseguente. Per questo motivo … [Continua a leggere FONTAINES D.C. – A Hero’s Death]

EINSTÜRZENDE NEUBAUTEN – Alles in Allem

Qual’è il confine fra canzone e rappresentazione teatrale? O meglio ancora, fra musica e performance?  Probabilmente questo ensemble tedesco è la perfetta sintesi fra le due domande, considerando non solo la sua storia, non solo il carisma del leader Blixa Bargeld e neanche il ricordo delle origini di un gruppo così dirompente, ma l’insieme di una carriera dove si è abbracciato di tutto, partendo … [Continua a leggere EINSTÜRZENDE NEUBAUTEN – Alles in Allem]

MARK LANEGAN – Straight Songs of Sorrow

Il vecchio Mark è ritornato e ritorna continuamente sulle scene, in una sorta di vortice dove converge tutta la sua vita, soprattutto in questi ultimi anni dove evidentemente il processo di ricostruzione, deve per forza continuare, inarrestabile, fino a sviscerare tutto il male che aveva dentro, fra distruzione e redenzione, eccessi e ripensamenti,  disillusione e poesia. La musica fa il resto: compagna della catarsi … [Continua a leggere MARK LANEGAN – Straight Songs of Sorrow]

KING KRULE – Man Alive!

Questo ragazzotto londinese si è imposto all’attenzione della critica con uno stile atipico, riuscendo a rigenerare uno spoken-word, verso un cantato che rielabora una forma di jazz sperimentale con variazioni elettroniche, vicino alle dinamiche con cui sono nati sia l’hip-hop e la dubstep, ma che in questo caso prendono una strada diversa, modificata e rallentata per piegarsi al volere della voce: autentica protagonista di … [Continua a leggere KING KRULE – Man Alive!]

BILL LASWELL – Against Empire

Ci sono artisti di cui è quasi impossibile stilare a livello nozionistico, tutta la produzione di una carriera multiforme, sempre concepita e vissuta sopra una linea di confine in cui, jazz, fusion, rock, etnica, exsperimental e ambient, si è via via modificata e costruita intorno al lavoro di manager, di compositore o di jam-session, inanellando tutta una serie di lavori notevoli e di grande … [Continua a leggere BILL LASWELL – Against Empire]

CAR SEAT HEADREST – Making A Door Less Open

Quando scoprii Will Toledo lo definii un novello Rimbaud, perché dopo aver autoprodotto prima dei vent’anni ben 9 album, e poi, scoperto dalla Matador, pubblica un lavoro pazzesco come “Teens of Denial” del 2016 (sicuramente uno dei dischi migliori degli anni ’10), e rieditando nel 2018 quel “Twin Fantasy” in una doppia versione che include il suo gioiellino giovanile con la versione nuova rivista; … [Continua a leggere CAR SEAT HEADREST – Making A Door Less Open]

LUCINDA WILLIAMS – Good Souls Better Angels

Quand’ero più giovincello ebbi un’infatuazione per Joni Mitchell, sia per la sua figura femminile e sia per la sua musica, la quale, man mano che passavano gli anni, diventava ancora più bella, ancora più matura, ancora più emozionante. La stessa cosa sta accadendo per questa storyteller di Lake Charles: 67 anni portati da dio e una serie di ultimi album da brivido: assolutamente straordinari, … [Continua a leggere LUCINDA WILLIAMS – Good Souls Better Angels]

THE DREAM SYNDICATE – The Universe Inside

Io l’ho sempre detto: dopo i sessant’anni inizia una terza giovinezza. Per quelli che ci vogliono credere naturalmente. Perché se la riformata band di Steve Wynn riesce a produrre in tre anni o quasi, tre album di notevole fattura, dopo quella che fu considerata una semplice reunion per festeggiare il trentennale della loro carriera artistica, allora potremmo aggiungere che i nostri sindacalisti hanno ancora … [Continua a leggere THE DREAM SYNDICATE – The Universe Inside]

WIRE -Mind Hive

Quando un gruppo storico della scena post punk e new wave londinese, continua a rimanere sugli alti livelli per oltre quarant’anni, con album di notevole fattura come quest’ultimo “Mind Hive“, rappresenta e rappresentano la più autorevole dimostrazione, di come la classe, possa emergere inalterata quando incontra l’intelligenza. Ma è proprio il piglio culturale e soprattutto intellettuale, che marchia tutta la carriera artistica della band … [Continua a leggere WIRE -Mind Hive]

ALGIERS – There Is No Year

Se il 2020 si è aperto con un album di una bellezza abbagliante come questo terzo lavoro della band di Atlanta, allora possiamo dedurre che di vita ne abbiamo ancora tanta davanti, giusto per gustare tutta quella meraviglia che la musica ci porge, soprattutto pensando al decennio appena passato e a quello che ci aspetta. Fondamentalmente, ci siamo lasciati coinvolgere da un’espressività debordante, in … [Continua a leggere ALGIERS – There Is No Year]

I MIGLIORI DISCHI DEL 2019 – per l’ Intonation Cocktail Club 432

I MIGLIORI DISCHI DEL 2019 per l’ Intonation Cocktail Club 432 BLACK MIDI – Schlagenheim BLACK MOUNTAIN – Destroyer BRITTANY HOWARD – Jaime DHIDALAH – Threshold FONTAINES D.C. – Dogrel GARY CLARK Jr – This Land HAWKWIND – All Aboard The Skylark JAMBINAI – Onda LANA DEL REY – Norma Fucking Rockwell! MASSIMO VOLUME – Il Nuotatore MDOU MOCTAR – Ilana (the creator) PETER … [Continua a leggere I MIGLIORI DISCHI DEL 2019 – per l’ Intonation Cocktail Club 432]

NEIL YOUNG & CRAZY HORSE – Colorado

Ci sono artisti che sono imprescindibili per la propria vita: per affinità emozionali, per coincidenze musicali, per vissuti personali, per orizzonti immaginati, per schitarrate che ti senti dentro e altro ancora. Ecco che il Neil Young elettrico, e sottolineo “elettrico” (!!!), proprio con i fidati Crazy Horse: compagni di un’esistenza, è stato, anzi, sono stati coloro che mi hanno sconvolto l’anima da ragazzo e … [Continua a leggere NEIL YOUNG & CRAZY HORSE – Colorado]

PILLOLE DI SALAME – musica per vicini solidali

Non fasciamoci troppo la testa, esistono anche i vicini solidali, quelli simpatici, quelli che finalmente hanno un briciolo d’intelligenza e con cui parliamo volentieri, perché in fondo la vita ci offre sempre delle belle sorprese, anche inaspettate. Così ci può capitare che un vicino, il quale credevamo fosse vivo culturalmente, invece risulterà proprio il contrario, mentre un’altro a cui non davi nemmeno un cent, … [Continua a leggere PILLOLE DI SALAME – musica per vicini solidali]

PILLOLE DI SALAME – musica per vicini pericolosi

Viviamo in un mondo dove le sorprese sono sempre dietro l’angolo, e spesso, non ci rendiamo conto se il nostro vicino è una brava persona o un assassino seriale, o forse, sto guardando troppa televisione piena di omicidi e di risvolti noir. Per fortuna che l’horror non è il mio genere, altrimenti con questa inflazione di film sempre densi di immagini splatter la situazione … [Continua a leggere PILLOLE DI SALAME – musica per vicini pericolosi]

PILLOLE DI SALAME – musica per vicini curiosi

Avete ragione, di vicini curiosi ce ne sono fin sopra i capelli, ed è difficile difendersi. Poi, se vogliamo vedere, oggi come oggi, la tanto decantata privacy è solo un miraggio lasciato nei retroterra del passato. Non è casuale che Andy Warhol disse la famosa frase in cui ognuno di noi in un ipotetico futuro avrebbe avuto i suoi 15 minuti di popolarità, e … [Continua a leggere PILLOLE DI SALAME – musica per vicini curiosi]

PILLOLE DI SALAME – musica per vicini rumorosi

Come vi avevo preannunciato, dopo il disco di Cave avevo bisogno qualcosa di forte, per riportare l’umore sopra altri livelli. Di conseguenza, giusto il tempo per iniziare questa mia rubrica, il volume si deve alzare a costo di svegliare tutto il condominio. In fondo, se il salame metaforizza qualcosa di paesano in questa nostra società che, a tutti i costi, vuole uniformarsi appiattendo qualsiasi … [Continua a leggere PILLOLE DI SALAME – musica per vicini rumorosi]

NICK CAVE – Ghosteen

Non è facile esprimersi di fronte al dolore e non è facile giudicarlo a priori, perché la spirale delle emozioni è talmente personale da rimanere dentro se stessi, in una sorta di decantazione in cui nessuno si può avvicinare. Soltanto al tocco delle dita, il freddo esagerato provocherebbe un’ustione. Il problema è il rapporto fra una perdita (in questo caso terribile come la morte … [Continua a leggere NICK CAVE – Ghosteen]

JAMBINAI – Onda

In questi ultimi anni, si è sentito molto spesso parlare di “musica etnica” o di “world music”, come se etichettare un genere fosse necessario a tutti i cosi, dimenticando che anche la nostra, o quella americana, fa parte di un angolo di mondo, e non deve necessariamente essere quella che si è appropriata di termini in cui tutte le altre le girano intorno. D’accordo … [Continua a leggere JAMBINAI – Onda]

DA CAPTAIN TRIPS – Improvisation vol. 1

In Italia, esiste un sottobosco (e non so neanche se questo termine sia giusto) di band eccezionali con musicisti altrettanto eccezionali che fanno musica eccezionale. Scusate il gioco di parole, ma se  il mondo parla in maniera esasperante dei soliti nomi con un’ossessione altrettanto ripetitiva, senza dedicarsi a quel filone underground pieno di talenti che suonano proprio per il gusto di suonare, sfoderando prodotti … [Continua a leggere DA CAPTAIN TRIPS – Improvisation vol. 1]

Woodstock: 3 Days of Peace and Music — Cose Preziose

Vi porgo questo bellissimo post sull’epopea di Woodstock che merita di essere letto…. Dal blog: “Cose Preziose – senza la musica, la vita sarebbe un errore”   “Erano solo degli sfigati“ Era l’estate dell’89 e la mia amica Simona, vedendo in tv i reportage del ventennio di Woodstock, con tanto di frikkettoni e canne al vento, buttò lì la sua frecciata, senza degnare nemmeno … [Continua a leggere Woodstock: 3 Days of Peace and Music — Cose Preziose]

HUGE MOLASSES TANK EXPLODES

Questo nome particolare per una band, cela in realtà un’italianissima formazione proveniente da Milano, la quale ha deciso d’inondarci con una miscela di kraut-rock psichedelico dal piacevolissimo ascolto. Giacomo Tota alla batteria, Luca Umidi al basso, Fabrizio De Felice e Gabriele Arnolfo alle chitarre, fanno al caso nostro mentre la temperatura esterna non si decide a regalarci un po’ di fresco. Ecco che il … [Continua a leggere HUGE MOLASSES TANK EXPLODES]

DAVE MATTHEWS BAND – Come Tomorrow

D’accordo, se per questi pomeriggi estivi volete qualcosa di più dolce che vi accompagni dentro a quella spensieratezza tipica ti queste giornate di riposo, questo ensemble originario di Charlottesville in Virginia, fa al caso vostro. Anche perché dopo ben sei anni  d’assenza pubblicano questo album per la gioia dei fans, giusto per lasciare un messaggio per il futuro a seconda delle interpretazioni. Sta di … [Continua a leggere DAVE MATTHEWS BAND – Come Tomorrow]

SACRI MONTI – Waiting Room for the Magic Hour

Quella che potrebbe essere chiamata come la colonna sonora di questa lunghissima estate, l’hanno descritta i Sacri Monti, band californiana di SanDiego i quali, dopo il loro debutto nel 2015, e dopo percorsi itineranti sempre in giro per il mondo, si sono decisi a pubblicare il loro secondo album, inzuppato di hard-rock psichedelico quanto basta per far dimenticare il sudore di queste giornate, o … [Continua a leggere SACRI MONTI – Waiting Room for the Magic Hour]

THE DREAM SYNDICATE – These Times

Solitamente l’estate mi porta sempre verso un certo tipo di musica, e se anche il rock con sfumature psichedeliche è sostanzialmente il genere che preferisco, in questa stagione calda questo desiderio raggiunge il suo apogeo e vengo sempre travolto da una lunga serie di allucinazioni lisergiche. A dire il vero i Dream Syndicate, essendo circoscritti all’interno di coordinate ben precise per come concepisco io … [Continua a leggere THE DREAM SYNDICATE – These Times]

CHARLES LLOYD & THE MARVELS with LUCINDA WILLIAMS – Vanished Gardens

Per chi predilige la musica d’atmosfera o il jazz melodico suonato con maestria e passione vera, questo lavoro è quello che fa per voi. Però, lo ammetto, l’ho scoperto per la partecipazione della bravissima Lucinda Williams, che adoro per le splendide sfumature della sua bellissima voce, le quale, riesce a dare, nonostante il senso melanconico dell’insieme, un tocco di poesia fuori da comune, una … [Continua a leggere CHARLES LLOYD & THE MARVELS with LUCINDA WILLIAMS – Vanished Gardens]

FONTAINES D.C. – Dogrel

Il termine “Dogrel”, prende il nome da un modo di esprimersi tipicamente irlandese, che vuole sottintendere una poesia di strada, semplice, diretta, magari scritta male e dallo scarso valore letterario ma, è proprio questo il punto, con un’autoironia tipica di questa terra, questi cinque ragazzotti della periferia di Dublino, lo hanno fatto loro come esigenza del dire e raccontare, d’altronde, se a un gruppo … [Continua a leggere FONTAINES D.C. – Dogrel]

JORMA KAUKONEN & JACK CASADY – Bear’s sonic journals: Before we were them – Live giugno ’69

Questa registrazione operata dal tecnico del suono Owsley Stanley, quando era al servizio dei Grateful Dead, e rimasterizzata dai suoi archivi con una purezza magistrale, rappresenta un autentico tuffo nel passato, in uno dei periodi più leggendari della storia del rock, in cui, la matrice blues dei suoi esordi, si era trasformata in una serie di cavalcate lisergiche, pronte a sfoderare tutte le sfumature di … [Continua a leggere JORMA KAUKONEN & JACK CASADY – Bear’s sonic journals: Before we were them – Live giugno ’69]

HOWE GELB – Gathered

Allora, andiamo indietro nel tempo, quando con il nome Giant Sand, il nostro eroe iniziò un’avventura particolare, in cui, punk, alternative-country, ballads e indie-rock, crearono una miscela particolare, seminando capolavori e sperimentazioni sempre a metà fra  tradizione e innovazione. Poi, quando i suoi due fidati compari: Joey Burns e John Convertino, fondarono i Calexico, giganteggiando con ritmi latini e desert-rock un po’ in tutto … [Continua a leggere HOWE GELB – Gathered]

TEST DEPT – Disturbance

La prima domanda che dovremmo porci quando un gruppo storico e alternativo dell’industrial-rock britannico, torna dopo ventidue anni di assenza, è il perché di tale scelta e quali sono le motivazioni, gli impulsi e le dinamiche che hanno mosso l’ispirazione e la voglia di comunicare la loro attuale visione del mondo. La copertina è inquietante: una sala da concerti con un pianoforte sullo sfondo, … [Continua a leggere TEST DEPT – Disturbance]

SHARON VAN ETTEN – Remind Me Tomorrow

Avevamo lasciato questa cantautrice del New Jersey, quattro anni fa con lo splendido Are We There, in uno stato di grazia, probabilmente con l’album più bello della sua carriera, e ora, giunta alla sua quinta fatica, si ripropone in una veste nuova. L’indie-folk che l’aveva caratterizzata fino a questo momento, cambia registro verso un pop-rock delicato, dove si alternano sfumature dark a sonorità più … [Continua a leggere SHARON VAN ETTEN – Remind Me Tomorrow]

I MIGLIORI DISCHI DEL 2018 per l’ Intonation Cocktail Club 432

I migliori dischi del 2018 per l’ Intonation Cocktail Club 432 Amgala Temple – Invisible Airships Anna Calvi – Hunter Anna von Hausswolf – Dead Magic Cloud Nothings – Lass Building Burning Daughters – You Won’t Get What You Want Esben and the Witch – Nowhere Idles – Joy As Act of Resistance Jjuujjuu – Zionic Muld Julia Holter – Aviary Kaanan – Windborne Loma – Loma Lonnie Holley – MITH Mien – Mien Mythic Sunship – Another Shape … [Continua a leggere I MIGLIORI DISCHI DEL 2018 per l’ Intonation Cocktail Club 432]

PILLOLE DI SALAME – musica per cuori solitari

Bernardo Bertolucci disse che la solitudine può essere una tremenda condanna o una meravigliosa conquista, decidete voi a seconda delle situazioni da che parte stare. La musica però è un pianeta diverso che riflette tutti i nostri stati d’animo, ed è giusto avere le priorità se ascoltarla da soli o in compagnia. D’altronde, come diciamo sempre, è una questione individuale dovuta a un particolare … [Continua a leggere PILLOLE DI SALAME – musica per cuori solitari]

PILLOLE DI SALAME – musica per cuori irrequieti

Arrabbiatevi pure, incazzatevi con chiunque vi viene a tiro: litigate, scatenatevi ma, gioite quando il ritmo della musica vi sconvolgerà l’anima, quando il volume inizierà a martellare per raggiungere un’estasi personale vicino all’apogeo di tutte le emozioni. Non ci sono numeri che stabiliscono il metro di giudizio per un cuore irrequieto ma, dischi personalismi, i quali, nella loro dimensione dall’alto tasso alcolico, emergono fra … [Continua a leggere PILLOLE DI SALAME – musica per cuori irrequieti]

PILLOLE DI SALAME – musica per cuori appassionati

Riprendiamo questo giro di aperitivi con delle pillole legate a delle  passionalità di vario genere, in cui la musica, dolce o arrabbiata, fresca o ricercata, è sempre vicino a un’idealizzazione dell’amore, e l’amore si sa, porta gioie e dolori: ventate di entusiasmo o solitudini infinite. Come si dice sempre la bellezza dell’arte consiste nel dare libero sfogo alle fasi creative di ognuno, e la … [Continua a leggere PILLOLE DI SALAME – musica per cuori appassionati]

www.che-blog.com

Blog italiano di cultura generale

Lluís Bussé

Barcelona's Multiverse | Art | Culture | Science

Perception

Until I know this sure uncertainty, I'll entertain the offered fallacy.

ThePsychRock.com

New Psychedelic Music

DenpaFuzz

the home of psychedelic sounds and more....

CELLA VINARIA

sito amatoriale di gusto e retrogusto

PIATTORANOCCHIO

Piattoranocchio non è solo un blog di ricette! Allieta la tua giornata con storie divertenti e saziati di foto!

perìgeion

un atto di poesia

Mi camino buscandoT

...y os encontré.

Le Mie Cose

Parole In Flusso

Simone Modica

Photography, Travel, Viaggi, Fotografia, Trekking, Rurex, Borghi, Città, Urbex

mypassionisplats

There is no such thing as too many plants

Vitagiocata

L’uomo non smette di giocare perché invecchia, ma invecchia perché smette di giocare

Pensieri spelacchiati

Un piccolo giro nel mio mondo spelacchiato.

Vainnanti in fuga

Travel, Food & wine lover ❤️. Fuga in auto🚗 per viaggi on the road

Twiki World

La legge mistica scardinata dai più profani angoli del mondo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: