i migliori album del 2019

i migliori album live del 2019

I MIGLIORI DISCHI DEL 2019
per l’ Intonation Cocktail Club 432

BLACK MIDI – Schlagenheim
BLACK MOUNTAIN – Destroyer
BRITTANY HOWARD – Jaime
DHIDALAH – Threshold
FONTAINES D.C. – Dogrel
GARY CLARK Jr – This Land
HAWKWIND – All Aboard The Skylark
JAMBINAI – Onda
LANA DEL REY – Norma Fucking Rockwell!
MASSIMO VOLUME – Il Nuotatore
MDOU MOCTAR – Ilana (the creator)
PETER PERRETT – Human World
ROSALIE CUNNIGHAM – Rosalie Cunnigham
SACRI MONTI – Waiting Room for the Magic Hour
TEST DEPT – Disturbance
THE MURDER CAPITAL – When I Have Fears
THERE WILL BE BLOOD
 – Beyond
THE WHO – Who
TOOL – Inoculum
W.H. LUNG – Incidental Music


MIGLIOR RISTAMPA
CREDEENCE CLEARWATER REVIVAL – Live at Woodstock

MIGLIOR DISCO LIVE
FILARMONICA DELLA SCALA & RICCARDO CHAILLY – The Fellini Album

MIGLIOR PERFORMANCE
LA IGLESIA ATOMICA– The Jm Jones Kool-Acid Test vol. 1 & vol. 2

MIGLIOR DISCO DI COVER
AA/VV – Hellelujah: The Song of Leonard Cohen

 

Anche quest’anno ho scelto 20 album di buon livello più 4 particolari per una playlist interessante, con i soliti abbinamenti degni di questo locale. Chiaramente, come sempre sono le mie scelte e come tali vanno considerate, ma che s’inseriscono in  quella comune partecipazione che allieta le giornate degli appassionati della musica. Un disco può piacere, un altro meno, ma quello che conta e che non si smetta mai di suonare e di ascoltare: un dono reciproco, il quale, nella sua molteplicità, non può mancare nelle nostre vite, come un buon bicchiere…  Gustatevelo !!!

 

cocktail

***********

 

BLACK MIDI – SchlagenheimBLACK MIDI
“Schlagenheim”

 L’esordio straripante di questi ragazzi londinesi è una miscela forsennata di jazz, hardcore, post-punk e noise, come se questo sound dovesse per forza scorticare il ricordo dei Talking Heads, mettendoli poi sulla graticola per bruciarli vivi e innescare un processo di decostruzione sempre a metà, fra la narrazione teatrale dei Pere Ubu e l’esagerata sovrapposizione dei Primus. Il risultato è giustamente bilanciato con melodie perfettamente inserite nella trama di quest’opera prima, la quale non delude le aspettative, anzi, si trasforma continuamente, come se la metamorfosi delle sette note, si trovasse improvvisamente di fronte all’epilogo inarrestabile del futuro prossimo venturo. Hanno solo vent’anni, ma la sintesi che li coinvolge concentra un secolo di musica. Spettacolare (!)

Link traccia d’ascolto

cocktail abbinato

cocktail-invisibile
Invisibile
velvet gallows

***********

 

BLACK MOUNTAIN - Destroyer

BLACK MOUNTAIN
“Destroyer”

Se le sonorità vintage del rock’n’roll si concentrassero intorno a una band che cerca la misura perfetta fra melodia ed esposizione musicale, allora, questi interpreti canadesi sono l’esempio perfetto di come si possa tradurre la forma-canzone, nell’impatto psichedelico che ne deriva.  Tra l’altro se la cassa acustica della copertina, è visualizzata come un monolite giganteggiante intorno alle acque vorticose dell’evoluzione, potete capire l’importanza data ai decibel della loro cultura musicale. Alzate il volume allora… Energia pura (!)

Link traccia d’ascolto

cocktail abbinato

cocktail-americano
Americano
idee rubate

**********

 

brittany howard - jaime

BRITTANY HOWARD
“Jaime”

La leader degli Alabama Shakes pubblica un album solista e mette in evidenza tutte le sfumature della sua voce e del suo stile interpretativo, riuscendo a calarsi nelle atmosfere di un soul-jazz veramente originale. Messo da parte il suo furore agonistico si concentra quel tanto che basta per far emergere una poetica intimista e struggente legata non solo alle sue umili origini, ma anche al ricordo della sorella deceduta in tenera età, a cui il disco è dedicato. Il risultato si colora di un espressionismo veramente originale e trasforma la sua visione cromatica in un’esibizione da pelle d’oca. Ammirevole (!)

Link traccia d’ascolto

cocktail abbinato

cocktail-xanthippe-2
Xantippe
la bisbetica domata

**********

 

DHIDALAH - Threshold
DHIDALAH
“Threshold”

Provenienti da Tokyo, questi ragazzi al loro primo album, mettono insieme un mitragliante kraut-rock a tinte space che potrà sorprendere tutti gli adepti di questi generi musicali, registrando una performance intrisa di furore ed equilibrio nello stesso tempo. La martellante sequenza di ritmi genera, non solo un’incursione nei mondi già esplorati a suo tempo dagli Ashra Temple, ma sintetizza l’energia dei Neu! incontrando band sperimentali più vicine agli anni 2000 assorbendo via via echi hard e incursioni nel noise. E se il loro nome s’inoltra nelle leggende dei creatori dell’universo, il suono che ne consegue è l’esplosione perfetta della vita.  Dirompente (!)

Link traccia d’ascolto

cocktail abbinato

disc-cock-bronx
Bronx
tutto d’un fiato

***********

 

FONTAINES D.C. - Dogrel

FONTAINES D.C.
“Dogrel”

Dublino è diventato in questi ultimi anni un crogiolo di band emergenti veramente interessanti, e questi cinque ragazzi sono una delle più belle sorprese di quest’anno, perché, se l’energia di un post-punk vecchia maniera, viene costruito sopra una manciata di liriche dall’impatto sorprendente, la fusione di parole e musica risulta talmente efficace da lasciarci felicemente stupiti.  Le canzoni ci sono, eccome, e noi con loro ci dimeniamo senza remissione. Ne ho già parlato e ne sentiremo parlare ancora per tanto tempo. Asfissiante (!)

Link traccia d’ascolto

cocktail abbinato

birra guinness
Una birra scura
finalmente un sorso

 

***********

GARY CLARK - This Land

GARY CLARK Jr
“This Land”

Rock, blues, soul & funky sono la miscela di questo cantautore texano di colore, il quale si muove attraverso una giustizia sociale, in cui s’incontrano razzismo, amore ed emarginazione con una serie di pezzi veramente penetranti. Non c’è nulla di innovativo, ma tutte le canzoni sono composte e suonate con una passione talmente vera da farti convincere che questo genere non potrà mai morire, anzi…  Tenace (!)

Link traccia d’ascolto

cocktail abbinato

cocktail-negroni
Negroni
atto di forza

***********

HAWKWIND - All Aboard The Skylark

HAWKWIND
“All Aboard The Skylark”

Ormai sono più di 50 anni che l’astronave di questi pazzoidi viaggia avanti e indietro nel tempo, e pare che nulla possa fermarli, perché se ogni volta sfoderano questa attività percussiva, in cui uno space-rock martellante e viscerale continua a evolversi riformulando le dimensioni della loro musica originaria, così come ha detto qualcuno, bisognerebbe ibernarli per fargli rivivere anche gli anni 3000. E se il loro capitano: quel David Antony Brock apparirebbe immortale, potremmo veramente clonarlo per distribuire la sua genetica all’umanità, tanto, con un sound di questo genere, non ci sarà futuro che tenga.  Infiniti (!)

Link traccia d’ascolto

cocktail abbinato

cocktail-Green-Spritz
Green Spritz
l’eterna giovinezza

***********

 

Jambinai_ONDA
JAMBINAI
“Onda”

Questo ensemble sud-coreano, genera una serie di suoni che potremmo pure etichettarli come una miscela di post-metal legato ad atmosfere orientali intrise di folk apocalittico, ma tutti questi termini sfoderano un sound devastante il quale diventa stile a sua volta e ti entra dentro coinvolgendoti fino allo svenimento. Anche di loro ne ho già parlato, e ne è valsa la pena. Esplosivo (!)

Link traccia d’ascolto

cocktail abbinato

cocktail-fernet-coke
Fernet & Coke
punto di non ritorno

***********

 

lana del rey norman fucking rockwell
LANA DEL REY
“Norma Fucking Rockwell!”

Se il repertorio delle voci femminili da Joni Mitchell in poi, ha sempre fatto venire i brividi per la poesia che esprime, esistono figure che ti fanno innamorare già dalla prima nota. Questa modella e cantautrice newyorkese, dal viso semplice e bellissimo come la classica ragazza della porta accanto, si rigenera attraverso le atmosfere che l’hanno caratterizzata da sempre. Ci sarebbe da parlare molto intorno alla simbologia di questo album e allora non ci resta che ascoltarlo, intorno alla sua dolcezza e alla sua inquietudine. Nostalgico (!)

Link traccia d’ascolto

cocktail abbinato

cocktail-campari-shaketato
Campari Shakerato
arte minima

***********

 

MASSIMO VOLUME - Il Nuotatore
MASSIMO VOLUME
“Il Nuotatore”

Emidio Clementi è un poeta, e lo ha dimostrato proprio con una carriera al di sopra delle consuetudini, con il suo gruppo, con il suo essere vicino ad artisti particolari e con le sue performance, le quali sono a tutti gli effetti letteratura. Con questo suo ultimo lavoro, dimostra ancora una volta la sua bravura nel gestire una metrica libera e una liricità che s’insinua amara e drammatica nelle storie di oggi, dove il confine fra ciò che è reale e ciò che non si vede è come la terra separata dalle acque: devi essere capace a nuotare, altrimenti rimani solo a guardare.  Coraggioso (!)

Link traccia d’ascolto

cocktail abbinato

disc-cock-vino
Un Calice di vino
per intenditori

***********

 

MDOU MOCTAR - Ilana (the creator)
MDOU MOCTAR
“Ilana (the creator)”

Nato in una sperduta cittadina del Niger, questo talentuoso chitarrista, esprime il classico stile del deserto, che in questi ultimi anni ha avuto una risonanza mondiale, con un virtuosismo e una capacità d’immedesimazione con gli stati emotivi che lo rendono unico.  È impressionante come la rabbia e la desolazione emergono in questo disco, seguendo tutte le dinamiche di un sound trascinante ed evocativo fino all’immedesimazione con un territorio che non si può dimenticare facilmente.
Ipnotico (!)

Link traccia d’ascolto

cocktail abbinato

cocktail-mojito-2
Mojito
un incantesimo

**********

 

PETER PERRETT - Human World
PETER PERRETT
“Human World”

Questo cantautore inglese pubblica il suo secondo lavoro solista dopo una carriera con gli Only Ones, e stupisce per la qualità che riesce a rigenerare ogni volta. Con uno stile molto dylaniano e un’insieme di sfumatura fra il primo Lou Reed e la concretezza di Graham Parker, compone una manciata di canzoni che si continuano ad ascoltare, in cui, le melodie, perfettamente inserite nel contesto musicale, diventano “piacione” quanto basta da accompagnare qualsiasi momento della giornata.  Godevole (!)

Link traccia d’ascolto

cocktail abbinato

cocktail-gin-fizz
Gin Fizz
idee fresche

**********

 

rosalie-cunningham

ROSALIE CUNNIGHAM
“Rosalie Cunnigham”

La capacità scenica dei Purson viene in questo caso ripresa dalla loro leader con un album solista dalla teatralità ludica, in cui, le atmosfere alla Kurt Weill e certe composizioni da film tipo spy-story ci conducono nei territori dove lo spessore immaginifico echeggia fantasioso. Il tessuto narrativo rimane incredibilmente a metà fra un’ironia di fondo e un andamento folkeggiante libero di stratificarsi intorno a ballate dall’aspetto solare con un retrogusto fantasy-noir.  Leggiadro (!)

Link traccia d’ascolto

cocktail abbinato

cocktail-daiquiri
Daiquiri
per chi suona la campana

**********

 

SACRI MONTI - Waiting Room for the Magic Hour
SACRI MONTI
“Waiting Room for the Magic Hour”

Questa band californiana riprende nel suo secondo lavoro le atmosfere sulfuree che hanno caratterizzato l’heavy-rock psichedelico dell’esordio, e continua nello sciolinare un torrenziale propulsore lisergico, con una manciata di tracce devastanti, in cui l’inseguirsi delle ritmiche è veramente senza sosta. Non ci sono pause, ma un’impossibile esagerazione che ci fa dimenare senza remissione.  Delirante  (!)

Link traccia d’ascolto

cocktail abbinato

cocktail horses nek
Horses Nek
così non si uccidono neanche i cavalli

***********

 

TEST DEPT – Disturbance
TEST DEPT
“Disturbance”

Ne ho già parlato all’inizio di quest’anno, ma se un gruppo storico dell’industrial britannico ritorna sulle scene con un prodotto così convincente, è perché di cose da dire ne avevano da vendere. Ci si può anche sentire sconcertati, ma l’impatto emotivo dei significati nascosti dietro questa performance è una sceneggiatura horror che deve far riflettere. Sostanzialmente, parafrasando il titolo è proprio come la sua copertina.  Disturbante  (!)

Link traccia d’ascolto

cocktail abbinato

cocktail knockout
Knockout
un pugno nello stomaco

***********

 

THE MURDER CAPITAL – When I Have Fears
THE MURDER CAPITAL
“When I Have Fears”

Ancora Dublino, ancora un esordio, ancora il post-punk, ma al contrario dell’altra formazione soprarecensita, questa ha una completezza che esce dall’effervescenza sopravvenuta dalla disinvoltura espressiva, nel senso che la lezione degli Idles è stata assimilata da questi ragazzi e l’hanno messa in pratica con un album straordinariamente teatrale. Sembra di assistere a un film metropolitano, dove tutti i protagonisti dall’aspetto un po’ dark e un po’ ingenuo, si mettono in scena per recitare nella vita vera.  Melodrammatico (!)

Link traccia d’ascolto

cocktail abbinato

cocktail whiskey sour
Whiskey Sour
semplicemente aspro

**********

 

THERE WILL BE BLOOD – Beyond
THERE WILL BE BLOOD
“Beyond”

Io non so se ci sarà del sangue, ma questa band varesina merita la prima pagina proprio perché riesce a rimasticare quello stile chiamato “americana”, dandogli una dimensione in cui s’inseriscono tutti i ritmi del mondo. La loro passione merita un premio proprio per la professionalità e la bravura che sprigionano prima sul palco e poi su disco, come se la loro ricerca musicale fosse la sintesi di lunghi anni intrisi di sudore e di splendide esibizioni dal vivo.  Tenaci  (!)

Link traccia d’ascolto

cocktail abbinato

cocktail-aperolspritz
Aperol Spritz
per tutti i gusti

**********

 

THE WHO - Who
THE WHO
“Who”

Esisteva un tempo in cui la Terra era popolata da giganti e la musica era eseguita dagli dei, i quali, la regalavano agli umani come se il nettare che fuoriusciva da quelle esibizioni fosse la genesi che dette origine a tutto quello che venne dopo. Ebbene, due di quegli esseri enormi, sono ritornati per tracciare ancora la strada che portava alla fonte dell’ambrosia. Se un girono dovessero fare anche a voi la classica domanda se preferite i Beatles o i Rolling Stones, non abbiate dubbi, dovete rispondere con un solo nome: The Who… Inesauribili  (!)

Link traccia d’ascolto

cocktail abbinato

cocktail-old-fashioned
Old Fashioned 
senza tempo

***********

 

TOOL - Inoculum
TOOL
“Inoculum”

Definire l’ultimo album di questa band di Los Angeles un’opera prog-metal è sostanzialmente un eufemismo, perché questa “iniezione di paura” è qualcosa che va al di là delle dichiarazioni di generi e sottogeneri. Tutta la complessità narrativa è costruita intorno a una preparazione sonica ragguardevole,   A noi non resta che ascoltare questa epica come un’epopea quotidiana, che ci attrae e ci appartiene. Mentre nel mondo regna la confusione, queste tracce si aprono e si evolvono intorno a un’eleganza circoscritta come la perfetta soluzione dell’estetica.   Imponente (!)

Link traccia d’ascolto

cocktail abbinato

cocktail-american-bridge
American Bridge
un ponte verso la leggenda

***********

 

W.H. LUNG - Incidental Music
W.H. LUNG
“Incidental Music”

Questa band di Manchester riesce a fondere una new wave con un synth-pop stratificato intorno a una messinscena groove costruita su un incedere ripetitivo, in cui, elettronica e  shoegaze si prendono per mano fino all’esaurimento. La forza che s’insinua in tutto l’album è proprio la commistione che autogestisce non tanto la ballabilità dei ritmi, ma il superamento di una strada iniziata dai Talking Heads e poi proseguita dagli LCD Soundsystem , e il testimone, qualcuno, doveva pur prenderlo.  Sincopato (!)

Link traccia d’ascolto

cocktail abbinato

disc-cock-tequilasunrise
Tequila Sunrise
colpi di sole

***********

 

cocktail

MIGLIOR RISTAMPA

CREDEENCE CLEARWATER REVIVAL - Live at Woodstoock
CREDEENCE CLEARWATER REVIVAL
“Live at Woodstock”

Le uscite di quest’anno relative al celeberrimo Festival di Woodstock del ’69 si sono ripetute fino all’inverosimile, ma quella che merita di essere ricordata in un album tutto suo è proprio quella di uno dei gruppi seminali della musica rock. John Fogerty e soci sono sempre all’altezza della loro fama e questa performance c’entra proprio come l’inizio e la fine di un’epopea irripetibile.  Un inchino  (!)

Link traccia d’ascolto

cocktail abbinato

cocktail-october-revolution
October Revolution
ultimi incendi

**********

 

MIGLIOR DISCO LIVE

FILARMONICA DELLA SCALA & RICCARDO CHAILLY - The Fellini Album
FILARMONICA DELLA SCALA & RICCARDO CHAILLY
“The Fellini Album”

Scegliere un disco live che potrebbe definirsi di musica classica, è la consacrazione di un autore che ha fatto la storia del cinema e in senso traslato della musica del ‘900. La Filarmonica della Scala di Milano, diretta da Riccardo Chailly, esegue tutte le melodie di Nino Rota composte per Fellini, come un nome da accomunare ai grandi maestri del  passato, dentro a una dimensione eccezionale che non ha bisogno di ulteriori spiegazioni.  Eterno  (!)

Link traccia d’ascolto

cocktail abbinato

cocktail long island
Long Island Ice Thea
la classe non è acqua

***********

 

MIGLIOR PERFORMANCE

LA IGLESIA ATOMICA “The Jm Jones Kool-Acid Test vol. 1”
LA IGLESIA ATOMICA “The Jm Jones Kool-Acid Test vol. 2”
LA IGLESIA ATOMICA
“The Jm Jones Kool-Acid Test vol. 1 & vol. 2”

Questa band storica di Porto Rico ritorna sulle scene con una performance terrificante, immergendosi nell’esplosivo susseguirsi di un rock-psichedelico dove converge di tutto: space, hard-blues, funky, noise e divagazioni hendrixiane, come se l’avventura del rock fosse il calderone dov’è nata la vita, e come tale si continua a evolvere, fino alla configurazione di tutto l’universo. Epocale  (!)

Link traccia d’ascolto

cocktail abbinato

cocktail bloody-mary
Bloody Mary
idee sanguinarie

***********


MIGLIOR DISCO DI COVER

AA:VV - Hellelujah- The Song of Leonard Cohen
AA/VV
“Hellelujah: The Song of Leonard Cohen”

Probabilmente è troppo facile premiare una delle tante raccolte relativa alle cover eseguite sulle canzoni di questo grande cantautore e poeta, ma questa è composta proprio sulle migliori performance degli autori che hanno sfoderato un feeling particolare e, messi insieme, fanno veramente commuovere. Inarrivabile  (!)

Link traccia d’ascolto

cocktail abbinato

cocktail-Screwdriver-main
Screwdriver
lavori di cacciavite

***********

cocktail

e dopo questa retrospettiva sull’anno appena passato
vi auguro un 2020 pieno di aspettative musicali

BUON ANNO !!!

il Barman del club

liquore_melograno

 

40 Comments on “I MIGLIORI DISCHI DEL 2019 – per l’ Intonation Cocktail Club 432

  1. su molti titoli sono molto d’accordo, altri non li conosco ma riempirò le poche lacune: FKA Twigs – Magdalene; Joe Jackson – Fool; Giovanni Truppi – Poesia e civiltà; Mark Lanegan – Somebody’s knocking mi sembra che manchino, dai una cioccolata con panna e ce li ascoltiamo!

    Piace a 1 persona

  2. Grazie degli auguri da me…
    Sto leggendo la tua lista, sempre interessante, me la devo studiare perche alcune non le ho ascoltate… La mia sarà più breve per il 2019, sebbene quest’anno ho comprato molti vinili ma degli anni passati.

    "Mi piace"

  3. Dunque dopo attenta lettura,ho molti nomi che dovrò ascoltare.
    Posso dirti che nella mia lista ho inserito i Test Dept. convinto dal tuo post e i Fontaines che avevo scoperto su segnalazione di un amico.

    "Mi piace"

        • Beh, a prescindere che per iniziare la Corona è sempre meglio dell’aranciata; senza dubbio la Guinness è un prodotto pregevole, per non dire unico, anche se spesso in Italia la spillano sempre male, ma piuttosto che niente va bene anche così. A parità di stout è molto buona anche la Murphy, anche se si fa sempre più fatica a trovarla perché non siamo un paese da birre scure. Di conseguenza non tradirmi, continua a berla con amore 🙂

          Piace a 2 people

  4. Aspetto questo tuo post a gloria ogni anno e puntualmente mi sembra di connettermi ad uno di quei futuristici terminali cognitivi di tanti film e fiction televisive di Sci-Fi, con cui in pochi secondi il proprio cervello viene invaso da cultura e nozioni, apprendendo in un istante il frutto di un grande lavoro di ascolto…

    Grazie a te, scopro ogni anno il volto non ovvio della Luna, conosco i confini della sua parte non illuminata dal Sole ma non per questo meno bella, anzi, di certo la più preziosa.

    Caro Barman, uomo dall’intelletto rinascimentale, ampio e generoso nei vari settori dell’arte ma vero guru in area musicale… Che bello leggerti…

    Non ho dubbi: dal tuo digest, scelgo il melodramma della scena dublinese e con esso scelgo un Whiskey Sour…

    Piace a 1 persona

    • ottima scelta: semplice ed efficace, così come sono dovuti i ringraziamenti ai tuoi preziosissimi commenti, con cui dialogare è sempre un piacere. E poi come dico sempre, la cosa è reciproca, perché io stesso imparo tanto nel leggere i tuoi ottimi post riguardanti film o serie televisive non viste e ritornate nel mio carnet proprio dalle tue recensioni. Siccome Aldoux Huxley diceva che la maggior parte degli uomini ha una capacità quasi infinita di prendere le cose per scontate, mi sembra giusto cercare di superare questo modo di essere e invece vedere cosa c’è al di là di ogni apparenza. Il bello è proprio questo: immergersi nella passione che ti rende bella la vita, così come puoi apprendere con quella degli altri….
      Salute ragazzo un altro anno ci attende !

      Piace a 2 people

      • Carissimo Barman, non hai idea di quanto io davvero tenga in conto le tue analisi musicali…
        Ma questa non vuole e non deve essere una gara a chi è più generoso dell’altro in complimenti, quanto un’attestato sincero di stima e rispetto.
        Detto questo, concordo sul fatto che il piacere più grande è la soddisfazione di essersi reciprocamente arricchiti leggendoci l’un l’altro!
        Grazie della stima.

        "Mi piace"

  5. Insomma sono arrivata all’inizio dell’opera (perché è veramente un’opera epica) e Gary Clark Jr con il suo Negroni mi hanno convinta più dei predenti. Per definire tutte le mie Preferenze o all’incirca 12 mesi del 2020…
    Buon anno Carissimo barman🥂🥂🍾

    "Mi piace"

    • nessun problema è questione di gusti: io lo sto consumando, ma probabilmente è derivato dal fatto che prima non li avevo seguiti con la giusta attenzione, e ora, sono arrivato ad apprezzarli tardi. Così è la vita… siccome solitamente mi tuffo nella psichedelia sfrenata, forse, un sano progressive suonato bene, mi ha affascinato. Una birra te la offro volentieri…

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

www.che-blog.com

Blog italiano di cultura generale

Lluís Bussé

Barcelona's Multiverse | Art | Culture | Science

Perception

Until I know this sure uncertainty, I'll entertain the offered fallacy.

ThePsychRock.com

New Psychedelic Music

DenpaFuzz

the home of psychedelic sounds and more....

CELLA VINARIA

sito amatoriale di gusto e retrogusto

PIATTORANOCCHIO

Piattoranocchio non è solo un blog di ricette! Allieta la tua giornata con storie divertenti e saziati di foto!

perìgeion

un atto di poesia

Mi camino buscandoT

...y os encontré.

Le Mie Cose

Parole In Flusso

Simone Modica

Photography, Travel, Viaggi, Fotografia, Trekking, Rurex, Borghi, Città, Urbex

mypassionisplats

There is no such thing as too many plants

Vitagiocata

L’uomo non smette di giocare perché invecchia, ma invecchia perché smette di giocare

Pensieri spelacchiati

Un piccolo giro nel mio mondo spelacchiato.

Vainnanti in fuga

Travel, Food & wine lover ❤️. Fuga in auto🚗 per viaggi on the road

Twiki World

La legge mistica scardinata dai più profani angoli del mondo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: