LA TERRA DI MEZZO

james-turrelli-installazione

LA TERRA DI MEZZO

Ci portiamo dietro angeli e demoni
visti sui murI
senza prospettiva
per confondere il terrore
dell’eternità

Non c’è sogno e non c’è realtà

Continua a leggere “LA TERRA DI MEZZO”

Pillole di salame 4 – musica e quiete (aperitivo da meditazione)

pillole di salame-musica e quiete

Mi sembrava giusto terminare questo giro di aperitivi (dopo averne fatti tre ad alto volume), con un tranquillo relax per sorseggiare tutta la poesia che circonda la nostra vita. Davvero… Non è retorica, ma voglia di chiudere gli occhi: sognando se volete, o magari semplicemente per ascoltare un po’ di buona musica e bere qualcosa di accattivante, proprio per terminate una giornata frenetica nel migliore dei modi.

album 2020 musica e quiete

Sedetevi comodamente sul divano e con un buon bicchiere in mano e allungate i vostri piedi… Buon ascolto !

Continua a leggere “Pillole di salame 4 – musica e quiete (aperitivo da meditazione)”

Pillole di salame 3 – musica e furore (aperitivo in fiamme)

musica e furore - aperitivo in. fiamme 1

Tranquilli, nessuna mania incendiaria… Il fatto è che, di fronte a una musica fantastica come quella che vi sto per proporre, ci si sente bruciare dentro, con una vitalità, pronta per farci fare il giro del mondo cantando, ballando o se preferite, mettendoci a suonare la chitarra del vento, va bene anche quella (ci sono anche dei campionati del mondo) (!)  Di conseguenza, questo è un giro di aperitivi dal calore tossico, dalla carica agonistica vicina a una linea di confine, che ci porterà a guardare il fuoco da vicino, e con esso, prendere coscienza della nostra precarietà e nello stesso tempo, della propria immortalità…

album 2020-musica e furore

Bene ragazzi, sorseggiate con calma e con tutta la suggestione possibile, perché di questo passo non vi accorgerete di bere all’infinito.
Salute e buon ascolto !

Continua a leggere “Pillole di salame 3 – musica e furore (aperitivo in fiamme)”

Pillole di salame 2 – musica e psichedelia (aperitivo in trip)

musica e psichedelia

Dentro quest’anno sfortunato, bisogna lasciarsi andare, dimenticando per un momento tutto quello che ci circonda, sia nel bene e sia nel male, per questo motivo un tuffo nel mondo psichedelico di questo 2020 è un atto di rivolta necessario per darci una scossa. Chiaramente, stiamo entrando nei territori dove la forma canzone è solamente un optional, perché il viaggio lisergico che ci aspetta è veramente stellare, e  gli album che vi ho selezionato vi daranno la possibilità di gustare il vostro aperitivo preferito in una dimensione cosmica dalla spettacolarità disarmante…

migliori album psichedelia 2020

Bene ragazzi, allacciate le cinture di sicurezza, perché nel mezzo di questo trip, ne avrete bisogno !

Continua a leggere “Pillole di salame 2 – musica e psichedelia (aperitivo in trip)”

Pillole di salame 1 – musica e ritmo (aperitivo in movimento)

pillole di sdalame-musica e ritmo

Purtroppo in questo periodo i Bar sono chiusi per colpa di questo virus ambiguo, allora, vi delizierò  con la prima di quattro parti della mia solita rubrica annuale, in cui ricerco degli album particolari usciti nell’anno in corso, gustandoli con degli ottimi aperitivi. D’altronde, se negli anni ’70 si diceva guardando quello che sarebbe avvenuto con l’avvento del 2000, che avremmo mangiato solamente pillole come cibo del futuro, cosa dire a quelli abituati a gustare dei salumi nostrani fatti dal contadino? Niente… bisogna continuare ad ascoltare musica: musica senza fine (!)

migliori album 2020 ritmi

Partiamo ragazzi con degli album carichi di ritmo…

Continua a leggere “Pillole di salame 1 – musica e ritmo (aperitivo in movimento)”

GIÖBIA – Plasmatic Idol

GIOBIA-Plasmatic-Idol-

Questo italianissimo quartetto milanese è ormai una realtà internazionale, un po’ perché nei territori nordeuropei questo genere musicale oltre ad essere un’istituzione, ha un seguito eccezionale sia come critica e sia come pubblico, ma anche perché riuscire a coniugare passato e presente insieme a classe e passione non è roba da tutti i giorni, soprattutto all’interno di un caleidoscopio come questo dove pullula tutto un mondo, per non dire un universo. Qualcuno forse si starà chiedendo di cosa sto parlando, ma la copertina dell’album non lascia scampo: psichedelica ragazzi, psichedelica a gogò, insieme a space-rock, kraut e sperimentazioni perfettamente immerse nei viaggi dei corrieri cosmici più attuali che mai.
Non so quali siano i vostri idoli, ma da queste parti non ci sono problemi per essere vicini alla creazione: ognuno di voi potrà godersela andando a scoprire che tutto quello che ci vive intorno è dentro noi stessi.

Continua a leggere “GIÖBIA – Plasmatic Idol”

NADINE SHAH – Kitchen Sink

Nadine-Shah-Kitchen-Sink

Quest’artista anglo-pakistana di Newcastle continua la sua battaglia personale e il suo impegno civile, utilizzando la musica come una denuncia senza mezzi termini. Partendo dalla stereotipata raffigurazione che vuole la donna come angelo del focolare (poi invece schiavizzata nelle quattro mura della cucina), elabora un discorso lirico dall’originalità sorprendente, pieno di colore e di sfumature, utilizzando un cromatismo sfaccettato che varia proprio in base al gusto di ogni composizione. La tavola è proprio la base di partenza, molto ironica, del suo mondo interiore dove viene servita una pietanza dietro l’altra attraverso una sequenza d’ingredienti sempre più speziati, agrodolci, piccanti, con l’intento di dialogare insieme all’interlocutore facendolo ragionare, perché nella convivialità escono via via tutte le problematiche che ci circondano.

Continua a leggere “NADINE SHAH – Kitchen Sink”

LOUISE GLÜCK – Canzone del liuto

orfeo-euridice-poema-a-fumetti-buzzati-1

Canzone del liuto

Nessuno vuol essere la musa;
alla fine, tutti vogliono essere Orfeo.

Continua a leggere “LOUISE GLÜCK – Canzone del liuto”

SUSY ZAPPA – La magia del faro

la magia del faro copia

Susy Zappa è una comasca ormai Bretone di adozione, perché si è innamorata di queste terre come se fossero il luogo in cui ha vissuto un’altra vita, attratta dal paesaggio selvaggio e dal suo mare tumultuoso, sempre ricco di fascino e di mistero. Le leggende che circondano queste onde mai dome e questa gente temprata e silenziosa, cresciuta insieme ai suoni, alle vastità e alle tragedie di un oceano visualizzato come una divinità che toglie e da la sua bellezza da millenni, sono un tutt’uno con la natura stessa, la quale trascina chiunque fino a sentirsi parte di una cultura particolare e suggestiva. Inoltre, se l’attrazione si identifica nella figura dei fari che si ergono a monoliti fra le spiagge e il mare stesso, si può intraprendere un percorso fatto di storie e di racconti in cui la scrittrice di cui sopra si è lasciata coinvolgere completamente.

Continua a leggere “SUSY ZAPPA – La magia del faro”

PAOLO BERETTA – Ci vediamo stasera

ci vediamo stasera

I rapporti di coppia sono alla base della nostra esistenza, interpretando e modificando tutti i nostri modi di vivere. Lo dimostra una letteratura sterminata che proprio sull’amore ha costruito la sua fortuna, facendo della parola il suo medium dove intingere l’ispirazione e colorare pagine e pagine di infiniti modi di essere. Ma questa è la nostra vita ed è giusto continuare a parlarne, trovando per ognuno di noi lo spazio necessario su come rappresentarlo.  I racconti di Paolo Beretta però non parlano d’amore, o perlomeno ne parlano in maniera trasversale, perché sono gli stati d’animo i protagonisti di queste pagine: sono le situazioni che narrano le vicende, lasciando al lettore la traccia per completare le caratteristiche degli attori.

Continua a leggere “PAOLO BERETTA – Ci vediamo stasera”

FONTAINES D.C. – A Hero’s Death

a hero's death_fontaines dc

Dopo il bellissimo disco d’esordio dell’anno scorso, questo quintetto di ragazzi originari di Dublino pubblicano il loro secondo lavoro, sull’onda di un successo sorprendente che ha sicuramente cambiato le loro vite. È innegabile che nell’affollato mondo musicale di oggi, basta un singolo azzeccato per farsi notare, come nello stesso tempo è facile scomparire al primo passo falso, subito sostituiti dal gruppo susseguente. Per questo motivo il secondo album ha un’importanza basilare, da sempre sottoscritto come il disco della conferma per verificare l’effettivo valore della creatività, senza incappare nella miriade di meteore passate e poi scomparse nell’universo infinito delle sette note. Non è il caso di Grian Chatten e soci, i quali lasciandosi andare dentro un concetto poetico che li ha fatti nascere, si sono aperti verso un approccio musicale autentico, riuscendo a interagire con le due espressività artistiche, per arrivare poi a travolgere chiunque si trovasse sotto il paco delle loro esibizioni.

Continua a leggere “FONTAINES D.C. – A Hero’s Death”

MARCELLO SGARBI – Il bambino dell’aceto

il-bambin-o-dellaceto-marcello-sgarbi

Esistono libri d’intrattenimento o di svago, così come nello stesso tempo tempo ci sono libri ritenuti necessari o importanti, proprio per un contenuto che va al di là della semplice lettura. “Il bambino dell’aceto” di Marcello Sgarbi  (Bookabook Edizioni) è uno di questi, non tanto perché analizza il delicato mondo dell’autismo, ma perché oltre a figurare la dimensione che intercorre fra un padre e una madre che debbono convivere e crescere insieme a un figlio con queste problematiche, ci pone delle riflessioni e ci fa ragionare mettendoci a confronto con il mondo della diversità, soprattutto quando nella nostra quotidianità, evitiamo quasi di proposito il contatto con difficoltà che non ci appartengono.

Continua a leggere “MARCELLO SGARBI – Il bambino dell’aceto”

QUESTA LUNGA ESTATE STRANA

fantasie-sul-bere-1

D’accordo, è stata una lunga estate strana. Qualcuno potrebbe e obbiettare che le scuse non sono ammesse in questo periodo particolare, dove ognuno di noi aveva o avrebbe bisogno di svago per liberare la mente, e un Bar è il luogo ideale per farlo. Di conseguenza, trovarlo incustodito non è mai piacevole.
Potrei dirvi che ho visto navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione, e i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannoiser, ma probabilmente non ci credereste: queste frasi sono troppo banali, o perlomeno, troppo conosciute da tutti per un sorriso, eppure, le bottiglie sono rimaste identiche, così come le spine di birra da svuotare, per cui, rivederci è sempre una fortuna. Allora, munitevi di un bel bicchiere e tanta voglia di bere perché una volta che vedrete il fondo, ci sarà sempre un’altra bottiglia per ricominciare…

Continua a leggere “QUESTA LUNGA ESTATE STRANA”

Trofeo Gatticese delle Arti

IX-trofeo-gatticese-750x350

Non so che rapporto avete con i Concorsi Letterari, ma mi permetto di fare un po’ di promozione a questo che ritengo valido, soprattutto per un motivo particolare: oltre alla categorie “Kids”; “Racconto”; “Testo di canzone” e “Poesia”, proprio il primo premio di quest’ultima sezione, oltre ai classici compensi in denaro, ha la particolarità di far imprimere la propria opera su una targa che sarà affissa in uno dei luoghi artistici di questa cittadina in provincia di Novara. Non poco per essere ricordati negli anni a venire, senza cadere nell’anonimato.

Link del bando di partecipazione

Link associazione

Continua a leggere “Trofeo Gatticese delle Arti”

Ennio Morricone – un omaggio dovuto

 

L’eredità immensa lasciata all’umanità da questo grandissimo artista non ha eguali in questo spazio di tempo. Poi, possiamo decidere chi di noi sarà il Buono, il Brutto o il Cattivo, ma dentro alla magia della musica possiamo solamente emozionarci:  tutto il resto vernò dopo…

Intanto vi lascio il link di questo concerto memorabile

Link Traccia d’ascolto

IO SONO IL TUO UOMO

teamlab

IO SONO IL TUO  UOMO

                 “… e se vuoi divorare la strada in solitudine
                       io scomparirò per te…
                       Io sono il tuo uomo”
                                                   (Leonard Cohen)

Coprimi
con la tua voglia di esistere

riempimi di vita
e poi lasciami solo
se vuoi
dove possiamo ritrovarci
anche nello spazio dimenticato

Continua a leggere “IO SONO IL TUO UOMO”

EINSTÜRZENDE NEUBAUTEN – Alles in Allem

einstürzende neubauten alles in allem

Qual’è il confine fra canzone e rappresentazione teatrale? O meglio ancora, fra musica e performance?  Probabilmente questo ensemble tedesco è la perfetta sintesi fra le due domande, considerando non solo la sua storia, non solo il carisma del leader Blixa Bargeld e neanche il ricordo delle origini di un gruppo così dirompente, ma l’insieme di una carriera dove si è abbracciato di tutto, partendo dai ritmi dei martelli pneumatici fino alla configurazione sexy del silenzio, e altro ancora.
Gli artisti si sa, hanno nella loro anima tutte le sfumature per strutturare una carriera eclettica, la quale nasce dalle pulsioni iconoclaste di una ribellione giovanile, per poi ricollocarsi guardando se il fuoco ha davvero cambiato il mondo, o è stato il mondo a cambiare il fuoco. Non importa, ci saranno sempre altri ventenni pronti a prendersi il testimone e conseguenti adulti nel ricollocarsi saggiamente sulle onde di un pensiero da loro intrapreso nella ricostruzione.

Continua a leggere “EINSTÜRZENDE NEUBAUTEN – Alles in Allem”

MARK LANEGAN – Straight Songs of Sorrow

mark lanegan straight songs of sorrow

Il vecchio Mark è ritornato e ritorna continuamente sulle scene, in una sorta di vortice dove converge tutta la sua vita, soprattutto in questi ultimi anni dove evidentemente il processo di ricostruzione, deve per forza continuare, inarrestabile, fino a sviscerare tutto il male che aveva dentro, fra distruzione e redenzione, eccessi e ripensamenti,  disillusione e poesia. La musica fa il resto: compagna della catarsi e della ricerca artistica sempre calata nei meandri di un inferno difficile da dimenticare, per via delle fiamme e delle ustioni presenti nelle cicatrici rimaste. “…Non farmi bruciare in questo modo / salvami dal fuoco / conosco l’arte della solitudine…

Continua a leggere “MARK LANEGAN – Straight Songs of Sorrow”

LA SANTITÀ NON CI APPARTIENE MEGLIO IL SESSO – (2)

antonio-canova-amore-e-psiche-giacenti

La santità non ci appartiene meglio il sesso

Il respiro non trova sbocco
se un’aureola è stata dimenticata
sulla strada della perdizione
ascoltando
la vittoria del rock’n’roll.

Continua a leggere “LA SANTITÀ NON CI APPARTIENE MEGLIO IL SESSO – (2)”

KING KRULE – Man Alive!

King-Krule_man-alive!

Questo ragazzotto londinese si è imposto all’attenzione della critica con uno stile atipico, riuscendo a rigenerare uno spoken-word, verso un cantato che rielabora una forma di jazz sperimentale con variazioni elettroniche, vicino alle dinamiche con cui sono nati sia l’hip-hop e la dubstep, ma che in questo caso prendono una strada diversa, modificata e rallentata per piegarsi al volere della voce: autentica protagonista di tutte le tracce.
Siamo all’interno di una terra di mezzo dove prendono forma sia la poesia e sia la narrazione, senza preoccuparsi di farsi piacere, perché le storie o le vicende personali del nostro protagonista, diventano via via uno straripante diluvio confessionale, che disturbano, ammaliano e feriscono nello stesso tempo.

Continua a leggere “KING KRULE – Man Alive!”

BILL LASWELL – Against Empire

bill laswell against empire

Ci sono artisti di cui è quasi impossibile stilare a livello nozionistico, tutta la produzione di una carriera multiforme, sempre concepita e vissuta sopra una linea di confine in cui, jazz, fusion, rock, etnica, exsperimental e ambient, si è via via modificata e costruita intorno al lavoro di manager, di compositore o di jam-session, inanellando tutta una serie di lavori notevoli e di grande respiro. Già produttore dei Ramones e di Iggy Pop; ha collaborato con Brian Eno, Manu Dibango, Peter Brotzmann, George Clinton, Fela Kuti, Peter Vermeesch, Mick Harris, Ginger Baker, tanto per citarne alcuni. Ha fondato insieme a Daevid Allen i “New York Gong”; insieme a Michael Beinhorn i “Material”; insieme a Anton Fier i “Golden Palominos”; insieme a Tony Williams gli “Arcana”; insieme a Zakir Hussain i “Tabla Beat Science”, insieme a Sonny Sharrock i “Last Exit”, insieme a Bernie Warrell i “Praxis”; senza contare i “Massacre”, i “Divination”, i “Blixt”, gli “African Dub”, o i suoi molteplici lavori solisti e le sue infinite collaborazioni. Insomma, c’è da perdersi dentro un magma sonoro capace di competere con giganti tipo Frank Zappa o John Zorn, anche e proprio per la poliedricità delle sue scelte e della sua voglie di rinnovarsi ogni volta, mai capace di fermarsi dentro un singolo genere.

Continua a leggere “BILL LASWELL – Against Empire”

BIANCO

Esther Stocker - Regred'Arte

Bianco

È già iniziata
o c’è sempre stata
insieme a un rumore di fondo
quella che ovunque chiamiamo
la fine del mondo
intorno alla nostra comprensione
e all’equivoco di misurare il tempo Continua a leggere “BIANCO”

ROSSO

The_Key_in_the_Hand_02

Rosso

La chiamano alba
quella luce che illude ogni volta
il senso di essere i primi
a vederla
la vita

Continua a leggere “ROSSO”

IL SERVITORE MUTO

il servitore muto

IL SERVITORE MUTO

Ho posato gli occhi
sopra la fine del giorno
che ricomponi piano
insieme al vestito
accarezzato
dolcemente con la mano
insieme alla premura
di fare un po’ di ordine
dentro a queste ore buie

Continua a leggere “IL SERVITORE MUTO”

BLU

blu-4

BLU

              “…Tutti dicono che l’inferno è l’ultima moda,
                    io non ci credo
                    ma ci darò un’occhiata comunque…”
                                                                                   (Joni Mitchell)

Cosa devo guardare
se ho già visto troppo
Se la terra arida
non trasmette ricordo
Se l’odore del fuoco
arde ancora riuscendo a ferire

Continua a leggere “BLU”

CAR SEAT HEADREST – Making A Door Less Open

car seat headrest-1- making a door less open

Quando scoprii Will Toledo lo definii un novello Rimbaud, perché dopo aver autoprodotto prima dei vent’anni ben 9 album, e poi, scoperto dalla Matador, pubblica un lavoro pazzesco come “Teens of Denial” del 2016 (sicuramente uno dei dischi migliori degli anni ’10), e rieditando nel 2018 quel “Twin Fantasy” in una doppia versione che include il suo gioiellino giovanile con la versione nuova rivista; ebbene, non mi capacitavo, vista la situazione odierna, se la sua figura potesse scomparire subito dopo aver creato tanto, o ripartire circondandosi con quell’aura di culto, in cui, personaggi artistici superiori, vengono poi definiti sempre a metà fra il genio o l’autore borderline. In realtà questo ragazzotto dall’aspetto tipicamente nerd, dopo aver creato i Car Seat Headrest si riprende la scena, fregandosene ampiamente dei miei paragoni con il maledetto francese, dimostrando una classe superiore alla media con un altro lavoro particolarmente interessante.

Continua a leggere “CAR SEAT HEADREST – Making A Door Less Open”

LUCINDA WILLIAMS – Good Souls Better Angels

lucinda-williams-Good-Souls-Better-Angels

Quand’ero più giovincello ebbi un’infatuazione per Joni Mitchell, sia per la sua figura femminile e sia per la sua musica, la quale, man mano che passavano gli anni, diventava ancora più bella, ancora più matura, ancora più emozionante. La stessa cosa sta accadendo per questa storyteller di Lake Charles: 67 anni portati da dio e una serie di ultimi album da brivido: assolutamente straordinari, in cui, la sua classica miscela di folk-rock-blues, si sta arricchendo con un aura di poesia e una professionalità che vanno oltre alle semplici comunioni musicali fra generi. L’intensità delle storie raccontate acquisiscono un insieme di particolari emotivi, talmente forti da strutturare la figura di un’artista per niente demotivata dall’età, anzi, è proprio dall’alto della sua esperienza che emerge una consapevolezza compositiva senza eguali. E quest’ultimo lavoro, lo dimostra ampiamente.

Continua a leggere “LUCINDA WILLIAMS – Good Souls Better Angels”

ATTILIO ZANICHELLI – Le foglie

foglie rosse

LE FOGLIE
Chissà perché le foglie si sono agitate, le madri
celesti della terra. Io che non acciglio loro
ancora e non ricordo cosa siano né perché si lasciano
recidere.

Continua a leggere “ATTILIO ZANICHELLI – Le foglie”

THE DREAM SYNDICATE – The Universe Inside

TheDreamSyndicate-__TheUniverseInside

Io l’ho sempre detto: dopo i sessant’anni inizia una terza giovinezza. Per quelli che ci vogliono credere naturalmente. Perché se la riformata band di Steve Wynn riesce a produrre in tre anni o quasi, tre album di notevole fattura, dopo quella che fu considerata una semplice reunion per festeggiare il trentennale della loro carriera artistica, allora potremmo aggiungere che i nostri sindacalisti hanno ancora tanta voglia di lottare, e soprattutto, di suonare. Non è casuale che questo “The Universe Inside” dimostra ancora una volta che la classe emerge solamente dove il terreno fertile della passione è qualcosa di innato, o qualcosa di travolgente, dipende sempre da che lato si quadra un’opera nella sua evoluzione e nella sua dinamica. In fondo, se l’universo è tutto dentro di noi, la sua incommensurabilità bisogna ammirarla, sviscerandola come una continua genesi.

Continua a leggere “THE DREAM SYNDICATE – The Universe Inside”

DANTE STRONA – Senza congedo

25-aprile

Senza congedo

Resistenza non fu soltanto
vent’anni e un fucile:
i compagni di scuola appesi
ai pali della vita,
e le troppe croci
senza sudario di bandiere.

Continua a leggere “DANTE STRONA – Senza congedo”

ENDLESS HOTEL

il servitore muto - Lucien Clergue
Photo Lucien Clergue

Endless Hotel

 Non serve parlare

Ogni volta cerchiamo
le scale verso stanze inquiete
per toccare
quello che è rimasto del mare

Continua a leggere “ENDLESS HOTEL”

TALES FROM THE LOOP

tales-from-the loop-1

Tales From The Loop” e una serie fantascientifica a episodi distribuita dalla piattaforma di Amazon Prime, la quale si ispira al famoso volume di illustrazioni dello svedese Simon Stålenhag: “Loop“, appunto. Le opere di quest’artista scandinavo sono un’ibrido fra narrazione, graphic-novel, disegni iperrealisti e visioni legate a un archeologia urbana retro-futurista, in cui i protagonisti si aggirano intorno a paesaggi di un futuro prossimo venturo già facente parte del passato, e dove, gli impressionanti scheletri della tecnologia, sono a tutti gli effetti un monito della nostra presunzione, come se le enorme carcasse abbandonate, fossero proprio dei simulacri rimasti ad osservarci.

Continua a leggere “TALES FROM THE LOOP”

CENERE ALLA CENERE

deserto-nubi-2

Cenere alla cenere

Qualcuno un giorno andò
nel suo deserto
con i piedi scalzi
per sentire il freddo dell’oscurità

Continua a leggere “CENERE ALLA CENERE”

MUSICA E CIBO

vino-e-vinili-e-gastrocknomia

Non sono due libri recenti, ma nella situazione che stiamo vivendo mi sembra giusto andare a ripescare qualcosa che stimoli i nostri appetiti, soprattutto pensando a questo attuale stare in casa e alla normalità di questo locale, in cui, musica e alcol si danno da fare per la soddisfazione dei clienti. Fondamentalmente, “Vino e vinili” di Maurizio Pratelli e “Gast(rock)nomia” di John Martin sono due volumi che si completano a vicenda, riuscendo a figurare sia il mondo del mangiare e sia quello del bere, coniugando alla perfezione il connubio con le sette note, le quali, in questo caso, risultano e risulteranno perfette negli abbinamenti e curiose nella storiografia della tematica narrata.

Continua a leggere “MUSICA E CIBO”

VERSO OVEST

rava begum

Verso ovest

Sarà un libro americano
a incidere infinite vie
su questa pelle stanca
ancora viva per decidere

Continua a leggere “VERSO OVEST”

AGORAFOBIA

nuvola di fuskas

Agorafobia

Da tempo ormai ogni respiro
è uno spazio chiuso
perché sui libri inventati
è facile scrivere
la propria epopea

Continua a leggere “AGORAFOBIA”

UNA VITA IN FUORIGIOCO – Ezio Vendrame

ezio-vendrame-foto

Mi capita spesso di parlare di musicisti, scrittori, artisti, poeti e visionari. Parlo poco di calciatori. Non tanto perché non mi interessi il calcio, anzi… ma perché spesso nel mondo del football l’immaginazione ha poco spazio, se non nell’estro di scrittori come Osvaldo  Soriano, Eduardo Galeano, Nick Hornby e pochi altri.
Proprio l’altro giorno è morto Ezio Vendrame, 72 anni, forse un nome poco noto ai più, ma intorno a questo personaggio si cela, non solo uno dei talenti più inespressi del mondo italiano del pallone, ma un anarchico irriverente, un guascone, un artista che pensava con i piedi e si divertiva con la testa, un poeta con la penna e le scarpette chiodate, un personaggio sempre in fuorigioco.  Si… non giocava e giocava anche a calcio, ma se lo mandavi in tribuna, come testimonia il titolo del suo primo libro, lui godeva, godeva perché sostanzialmente gli interessava solo divertirsi, trombare e… appunto, scrivere poesie.

Continua a leggere “UNA VITA IN FUORIGIOCO – Ezio Vendrame”

WIRE -Mind Hive

wire-mind-hive

Quando un gruppo storico della scena post punk e new wave londinese, continua a rimanere sugli alti livelli per oltre quarant’anni, con album di notevole fattura come quest’ultimo “Mind Hive“, rappresenta e rappresentano la più autorevole dimostrazione, di come la classe, possa emergere inalterata quando incontra l’intelligenza. Ma è proprio il piglio culturale e soprattutto intellettuale, che marchia tutta la carriera artistica della band di Colin Newman e Graham Lewis, sempre a metà fra le stratificazioni di una ricerca musicale segnata da mutevoli sperimentazioni, e una coerenza ostinata che non si è mai piegata a nessun tipo di compromesso.

Continua a leggere “WIRE -Mind Hive”

ALGIERS – There Is No Year

algiers-there-is-no-year

Se il 2020 si è aperto con un album di una bellezza abbagliante come questo terzo lavoro della band di Atlanta, allora possiamo dedurre che di vita ne abbiamo ancora tanta davanti, giusto per gustare tutta quella meraviglia che la musica ci porge, soprattutto pensando al decennio appena passato e a quello che ci aspetta. Fondamentalmente, ci siamo lasciati coinvolgere da un’espressività debordante, in cui l’eccessività e la forsennata voglia di produrre e riprodurre tutte le idee confluite nelle dinamiche dell’evoluzione artistica, ha ribaltato la forma originaria in cui soltanto il talento poteva emergere e poi conseguentemente supportato dai professionisti del settore. Allora che dire se la classe bisogna cercarla coniugando la progressiva capacità di elevarla a valore e non soltanto a passaggio da scaricare, accomunando le variabili di questo verbo dalle molteplici stratificazioni metaforiche?

Continua a leggere “ALGIERS – There Is No Year”

THE PLATFORM – di Galder Gaztelu-Urrutia

il-buco-film-netflix-1

Sulla piattaforma di Netflix ho visto il film (e non è un gioco di parole) “The Platform” del regista spagnolo Galdner Gaztelu-Urrutia. Titolo originale “El Hoyo” (il buco) e distribuito proprio in questi giorni da noi.
Premiato in diversi festival, è la rappresentazione dell’ingordigia umana e dell’egoismo lacerante generato dall’avidità scaturita proprio in situazioni estreme, le quali, portano e trasformano qualsiasi individuo pensante, in un animale troppo spesso vicino ai confini della follia. Personalmente credevo di avere uno stomaco forte, ma di fronte a certe scene, mi è risultato difficile concepire una brutalità tale pur essendo esasperata dalla situazione narrata. Infatti, lo consiglio solamente a coloro che non hanno problemi di visione quando ci si cala negli abissi dell’umanità, soprattutto quando esiste solo la perversione della sopravvivenza. Intendiamoci, il film ha una forza dirompente proprio per la metafora che vuole trasmettere, e vive dentro a queste contraddizioni e a queste aberrazioni, perché, specularmente rispecchia la nostra realtà, in cui, i paesi ricchi mangiano tutto quello che vogliono a discapito di quelli più poveri, ai quali non rimane niente, nonostante ce ne fosse la possibilità.

Continua a leggere “THE PLATFORM – di Galder Gaztelu-Urrutia”

www.che-blog.com

Blog italiano di cultura generale

Lluís Bussé

Barcelona's Multiverse | Art | Culture | Science

Perception

Until I know this sure uncertainty, I'll entertain the offered fallacy.

ThePsychRock.com

New Psychedelic Music

DenpaFuzz

the home of psychedelic sounds and more....

CELLA VINARIA

sito amatoriale di gusto e retrogusto

PIATTORANOCCHIO

Piattoranocchio non è solo un blog di ricette! Allieta la tua giornata con storie divertenti e saziati di foto!

perìgeion

un atto di poesia

Mi camino buscandoT

...y os encontré.

Le Mie Cose

Parole In Flusso

Simone Modica

Photography, Travel, Viaggi, Fotografia, Trekking, Rurex, Borghi, Città, Urbex

mypassionisplats

There is no such thing as too many plants

Vitagiocata

L’uomo non smette di giocare perché invecchia, ma invecchia perché smette di giocare

Pensieri spelacchiati

Un piccolo giro nel mio mondo spelacchiato.

Vainnanti in fuga

Travel, Food & wine lover ❤️. Fuga in auto🚗 per viaggi on the road

Twiki World

La legge mistica scardinata dai più profani angoli del mondo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: