lucinda-williams-Good-Souls-Better-Angels

Quand’ero più giovincello ebbi un’infatuazione per Joni Mitchell, sia per la sua figura femminile e sia per la sua musica, la quale, man mano che passavano gli anni, diventava ancora più bella, ancora più matura, ancora più emozionante. La stessa cosa sta accadendo per questa storyteller di Lake Charles: 67 anni portati da dio e una serie di ultimi album da brivido: assolutamente straordinari, in cui, la sua classica miscela di folk-rock-blues, si sta arricchendo con un aura di poesia e una professionalità che vanno oltre alle semplici comunioni musicali fra generi. L’intensità delle storie raccontate acquisiscono un insieme di particolari emotivi, talmente forti da strutturare la figura di un’artista per niente demotivata dall’età, anzi, è proprio dall’alto della sua esperienza che emerge una consapevolezza compositiva senza eguali. E quest’ultimo lavoro, lo dimostra ampiamente.

lucinda williams-3- good souls better angels

Il susseguirsi delle tracce evidenzia una classe con un inanellarsi di perle che non lasciano spazio a nessun dubbio, perché il suo impegno sociale diventa man mano più tenace superandosi ogni volta, in cui, descrivere l’America di oggi, sta diventando il suo verbo preferito. Riesce incredibilmente a raccontarla con una narrazione necessaria, e la veste con una musica a fior di pelle assolutamente da brividi, mantenendo un’unità di stile impeccabile e una presenza scenica che va oltre il semplice valore.

lucinda williams -5-good souls better angels

12 pezzi senza nessuna pausa, uno più bello dell’altro, perché se l’incedere classico e viscerale di un rock vecchia maniera riesce a mantenersi dentro coordinate di altissimo profilo, la presenza emotiva di Lucinda Williams è talmente forte, da segnare tutta la messinscena con un’impronta e un marchio di fabbrica superiore, per inserirsi solo dove pochi riescono a incidere, caratterizzando il tutto.
Ho fatto una fatica enorme a scegliere due tracce significative, perché, mentre dicevo che quella ascoltata era notevole, quella successiva era meglio, e via di questo passo, fino a rendermi conto che certi prodotti non si possono circoscrivere in qualche pezzo-simbolo, ma è proprio nel suo insieme che emerge la forma completa della bellezza.

Link traccia d’ascolto
Link traccia d’ascolto

Alcune tracce si raccontano con l’intimità della loro introspezione e altre con l’irruenza e la cattiveria che una storia ha bisogno per essere figurata. Dentro questa letteratura non c’è spazio per la commiserazione, perché la scelta intrapresa da questa cantautrice non ha bisogno di piangersi sopra o di lasciarsi inghiottire dalla remissione. Ogni giro di chitarre e ogni strofa declamata, sono una lotta continua che non si deve fermare sopra il palco di un concerto, ma deve perseverare proprio dove la gente ha bisogno di un impeto in più per incontrarsi con la quotidianità. E lo vediamo noi tutti i giorni, senza sosta. Soprattutto pensando a un America che sta vivendo un inizio di secolo complicato, come il resto del mondo, d’altronde, senza capire come si evolverà.

Lucinda Williams publicity CR: David McLister
Tutte le foto sono prese dal web

Lucinda entra nelle pieghe della sua gente e gli regala un insieme di canzoni bellissime, dove si può piangere o alzarsi con le braccia tese dicendo che non bisogna arrendersi, e la musica, in questo senso, è un veicolo straordinario che si fa amare per tutto quello che trasmette. Il resto lo fanno le parole e la voce di questa bravissima interprete.

Salute ragazzi !

il Barman del Club

9 Comments on “LUCINDA WILLIAMS – Good Souls Better Angels

  1. Direi mooolto brava (a parte i gusti personali ma sono il solito cagnaccio)
    Meno male che ci sono ancora in giro tanti artisti di questo spessore che fanno veramente la differenza.

    Come al solito ci facciamo un ‘cicchetto’ al bancone !

    Ciao.

    Piace a 1 persona

  2. Pingback: I migliori album del 2020 – per l’Intonation Cocktail Club 432 – Intonations Cocktail Club 432

Rispondi a Furtivamente Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Fantastici Stonati

Non potrò mai far carriera, nel giornale della sera, anche perché finirei in galera

Zurumpat!

Un blog di Giusi Sciortino (Giuseppina)

graziadenaro.wordpress.com/

Mandorle e sale Poesie

Il primo amore

qui si beve di tutto: servitevi !!!

Low Profile

Vôla bas e schîva i sas

Lividi e Musica

La buona musica fa male

La dimora dello sguardo

qui si beve di tutto: servitevi !!!

fardrock.wordpress.com/

Ovvero: La casa piena di dischi - Webzine di canzonette e affini scritto da Joyello Triolo

a closer listen

a home for instrumental and experimental music

Off Topic

Solo contenuti originali

Black roses for me

The pleasure and the pain by Marianne Peyronnet

Rock And Roll

& Other Sounds

Reverendo Lys ®

Tutto ciò che so e che mi importa della vita è chiuso tra 7 e 12 pollici di vinile nero.

Sun-13

The Best Music - from Liverpool to Beyond

idastamile

http://idastamile.wordpress.com/

downatthecrossroads

Where the blues and faith meet

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: