rock e ritmo

Scusate se in questo ultimo periodo ho scritto poco, soprattutto di musica, ma spesso gli impegni familiari impongono delle scelte che vanno rispettate. Cercherò di recuperare il tempo perduto con una serie di post in cui segnalerò degli album usciti in questi primi mesi del 2022, e che personalmente ritengo validi per tutta una serie di ragioni, sia musicalmente appunto e sia di qualità. Partiamo…

ottimi album primi m esi 2022-1

cocktail e musica

Skinty-Fia-Fontaines-D.C-album-2022-786x786

Fontaines D.C.
Skinty Fia

Ormai questa band irlandese è celebrata in tutto il mondo, complice un’innovativa miscela di post-punk, new wave e poesia, e una qualità originale che si percepisce subito al primo impatto sonoro. Giunti al loro terzo album, dimostrano pienamente una passione e una creatività eccezionale, la quale non ha mai avuto cedimenti, e questo “Skinty Fia” si pone proprio in mezzo ai primi due lavori, nel senso che racchiude l’irruenza del primo e la dolcezza del secondo. Inoltre, la percezione politica dei testi si manifesta con delle liriche profonde e nello stesso tempo velenose, sia contro il governo britannico per via delle ruggini esistenti, e sia contro quello irlandese, sempre contestato per la mancanza di percezione verso le problematiche giovanili. Fondamentalmente, se il tema dell’identità emerge dirompente anche nell’iconografia della copertina, dove il cervo simboleggia nello stesso tempo rinascita e decadenza, così come voleva la cultura celtica, la sua espressione in gaelico rappresenta la territorialità ed anche una forma oscura legata alla meteorologia piovosa della loro città, unendo così le molteplici differenze che si racchiudono nel sentirsi appartenere a una terra sempre divisa fra emarginazione e ribellione, attraverso la risposta di un disco bellissimo dalla crescita artistica sorprendente e da ascoltare ripetutamente. Voto 9 

Link traccia d’ascolto
Link traccia d’ascolto

***********

R - Acid Dad – Take It From The Dead

Acid Dad
Take It From The Dead

Questo trio newyorkese rappresenta quel divertimento che una risposta musicale vuole quando si uniscono gioia di vivere e ritmo. Basato proprio su un incedere sincopato che unisce rock’n’roll e psichedelia, il retroterra seventies emerge proprio per innescare una miscela garage dall’impatto godereccio. Tutto l’album scivola via come un fiume sfavillante di luci e di riverberi chitarristici, in cui, fanno capolino le sequenze ipnotiche dei The Jesus and Mary Chain e la ritmica maniacale dei Television, senza contare quella branchia del punk che ha sostituito la rabbia con l’evidente voglia di suonare proprio per il gusto di farlo. Insomma, ascoltando queste tracce, le quali potremmo definirle “da automobile”, passerete 45 minuti immersi in quella condizione di beatitudine dove lo spirito, finalmente, si ricongiunge con il corpo. Voto 8

Link traccia d’ascolto
Link traccia d’ascolto

***********

R - Block Party – Alpha Games

Bloc Party
Alpha Games

Il ritorno di questo combo londinese a sei anni di distanza dal loro ultimo lavoro, corrisponde con un ritorno alle origini dalla ritmica spiazzante, dove punk, funky e influenze black coesistevano dentro una miscela alla nitroglicerina, forsennata quanto basta per farci dimenare terribilmente, e questo Alpha Games ci riporta a pogare in maniera irresistibile, senza sosta, dentro una manciata di pezzi che sembrano non fermarsi mai. La bellezza di questo album viene racchiusa in un combat-rock che strizza l’occhio alla dance, ma nello stesso tempo fluidifica tutte le melodie in quella sorta di battaglia urbana che piace tanto ai diversamente giovani come noi, perché, l’elevazione alla mitologia che ci consegnano certe canzoni, si trasformeranno sempre nell’irresistibile sensazione di non invecchiare mai. Voto 8,5

Link traccia d’ascolto
Link traccia d’ascolto

***********

R - calexico-el-mirador

Calexico
El Mirador

Per me i Calexico rappresentano un momento importante della mia crescita musicale, in cui cercare sonorità altre, erano diventate un’esigenza come l’aria, e album come “The Black Light” del ’98 qualificavano questa band come un’alternativa eccezionale di un certo periodo storico musicale.
Poi, sono arrivati altri lavori importanti e di acqua sotto i ponti ne è passata tanta, di conseguenza, ritrovarli con la voglia di sempre, con la freschezza che regalavano, con quel mix di sound messican-blues, tex-mex, folk-mariachi e rock dalle cadenze meticce e ricamate con i valori della frontiera, tanto cara ai nostri eroi, si trasforma in una rappresentazione filmica molto vicina alle nostre visioni adolescenziali, fatte di deserti e avventure senza fine. Quest’ultimo album non aggiunge niente alla loro storia, ma rielabora magnificamente un sound piacione che li vede ringiovanire all’interno di atmosfere dal fascino polveroso e piene di avventura. Voto 7,5

Link traccia d’ascolto
Link traccia d’ascolto

**********

R - Cola – Deep in View

Cola
Deep In View

Sostanzialmente, se il nome COLA è un acronimo di Cost of Living Adjustment, l’adeguamento al costo della vita diventa una conseguenza ai vari cambi di formazione del loro leader Tim Darcy, il quale, giusto il tempo per seguire la nuova ondata britannica che ha fatto del post-punk una fonte inesauribile di poesia urbana, ricerca un approfondimento (e a questo punto la paronomasia è necessaria), proprio per riproporre la sua lirica sempre al centro di contaminazioni che partono da Lou Reed e Mark Smith fino ad arrivare alle formazioni attuali. La sua cadenza apparentemente dimessa, ripetitiva, monocorde, segue le suggestioni di una poetica minimalista e diretta, giusto il tempo per amalgamarsi con la sezione ritmica in un’unica entità. Voto 7

Link traccia d’ascolto

**********

R - GGGOLDDD - This Shame Should Not Be Mine

GGGOLDDD
This Shame Should Not Be Mine

L’ultima fatica di questa band olandese a metà fra un dark-metal e un’alternative-indie è sostanzialmente il racconto di un orrore, riguardante lo stupro che la front-woman Milena Eva ha subito a 19 anni e che in queste fasi di isolamento, probabilmente, è esploso nella sua recente memoria. Tutto il disco è infatti un alternarsi di quiete e violenza, malessere e rassegnazione, pause liriche e catarsi strumentali, drammi e passioni. La forza della creatività artistica diventa il delta dove potersi esprimere, all’interno di un tessuto narrativo complesso ed eterogeneo in cui, la risposta della musica non fa altro che seguire la voce della protagonista e la sua introspezione, a tratti perduta nella sua dolcezza confessionale, e a tratti lacerata nella sua cadenza iconoclasta. L’ascolto diventa l’inabissarsi all’interno di una tragedia moderna, come se la sua teatralità diventasse l’esposizione mediatica che la condizione femminile troppo spesso viene umiliata nelle cronache quotidiane, e l’immagine della copertina è eloquente. Voto 8

Link traccia d’ascolto

***********

Loop – Sonancy

Loop
Sonacy

Se dall’origine latina il significato del titolo è sostanzialmente “creare rumore”, il ritorno di questa band storica dopo tre album epici verso la fine degli anni ’80, ha deciso di riproporsi con la stessa irruenza di allora, masticando shegaze e neopsichedelia con una serie suggestiva di sequenze al fulmicotone. Tutte le tracce sono pervase da un incedere ipnotico e maniacale, rappresentando le sequenze di un mondo allucinato e surreale quanto basta per non farsi dimenticare. I ritmi martellanti non hanno un attimo di pausa: s’inseguono senza sosta, diluendo tutte la tracce in un acid -rock che strizza l’occhio al kraut senza nominarlo, come se l’irruzione di un groove in perenne movimento si sentisse autonomo quanto basta per diventare originale. D’altronde, se l’unico membro rimasto: quel Robert Hampson delle origini, disse e dice che basterebbe il nome del gruppo per identificare il loro sound, allora, anche noi, saremo coinvolti dentro questo continuum temporale. Come non dargli torto… Voto 8

Link traccia d’ascolto
Link traccia d’ascolto

***********

R - Pop. 1280 - Museum On The Horizon

Pop. 1280
Museum On The Horizon

Altro trio newyorkese dall’incedere claustrofobico, tutto costruito sopra un industrial-noise dall’impatto malato e cuneiforme, esageratamente ubriaco di elettronica fino allo sfinimento. Tutta la messinscena raschia le metafore dell’annichilimento, come se un mondo diventato alieno per tutti, dovesse fare i conti con la sua stessa negazione, senza la possibilità di una redenzione, nemmeno con la musica. Se l’esposizione teatrale viaggia rasente sulla lama della distruzione, quello che potrebbe essere visto come un museo all’orizzonte, è fondamentalmente il seme della salvezza. Ogni cosa nasce dall’aria, ogni suono può dare origine ad altri suoni più complessi e rivedersi in uno specchio rimane l’ultima possibilità per ricordarsi come eravamo. In fondo, sappiamo tutti che l’origine della vita possiamo immaginarla nell’irregolarità di un sasso, nella forza del vento, nella speranza di trovare l’acqua. Caos ed equilibrio prima di tutto… Voto 7,5

Link traccia d’ascolto

***********

R - Rolling Blackouts Coastal Fever - Endless Rooms

Rolling Blackouts Coastal Fever
Endless Rooms

Giunti a questo punto abbiamo bisogno di una pausa salutare, e questa band australiana giunge al caso nostro. Caricata di un groove americanizzato quanto basta per delle cavalcare indie effervescenti, in cui la sovrapposizione delle voci di tutti i componenti aumenta la sostanza fino ad una irruenza finale psych, rivitalizza la bellezza delle melodie intorno alla sintesi simil-pop su cui sono costruite. Forse, questo loro terzo lavoro non raggiunge la bellezza dell’esordio del 2018: quel Hope Downs in cui l’incedere delle chitarre rasentava l’irresistibile e memorabile ripetitività per un inseguimento lungo strade senza fine, alzando le braccia al cielo. Questo disco è più discontinuo, ma è pur sempre l’immagine positiva di una gioia di vivere, la quale dovrebbe appartenere a tutti noi, soprattutto in questi tempi maledetti, e lasciarsi andare nella sconfinata abbuffata di questi riff non è roba da tutti i giorni, soprattutto in quelle bellissime tracce che non si fermano mai. Voto 7

Link traccia d’ascolto
Link traccia d’ascolto

***********

R - Wrong War – Once Upon a Weapon

Wrong War
Once Upon a Weapon

Concludiamo con un album dal sapore un po’ retrò, in cui la commistione garage-punk portata all’eccesso, s’incunea nelle dinamiche politiche che vogliono denunciare un’attualità ormai vicina al punto di non ritorno. Inoltre, se il mondo del lavoro sta ritornando nelle ossessioni del passato, sembra che tutte le conquiste per cui abbiamo lottato non siano servite a niente. Ecco che la violenza hard-core di questa band dell’Illinois vuole proprio schiaffeggiare ognuno di noi, ormai assuefatti da ogni disillusione. Basta stare seduti: alzatevi e ribellatevi, ogni tanto le barricate servono a qualcosa! Voto 7,5

Link traccia d’ascolto

***********

Mojiti alla frutta

Bene, abbiamo terminato il primo giro con un po’ di movimento, ma è soltanto l’inizio. Preparatevi ad altre bevute perché da queste parti non ci si ferma mai…
Salute ragazzi!

il Barman del Club

18 Comments on “ROCK E RITMO – Alcuni ottimi album di questi primi mesi del 2022

  1. Carissimo!

    Buone cose a te e famiglia, per iniziare.

    Ho letto tutto con attenzione e grazie dai sempre delle chiare segnalazioni.

    I Fontaines DC mi piacciono moltissimo e ho questo album l’ho comprato praticamente all’uscita. L’ho ascoltato fortemente.

    Piace a 1 persona

  2. Innanzitutto ben ritrovato. Mancavi.
    Ascoltato tutto: I primi sei elencati tutti, in particolare GGGOLDDD, Calexico, Loop, Acid dad, gli altri meno convincenti. In complesso ho passato due belle ore in musica. Grazie e un semplice Mojito che fa troppo caldo.

    Piace a 1 persona

    • Il Mojito è assicurato, anzi, se vuoi puoi anche fare il bis non c’è problema, il ghiaccio è assicurato. Inoltre, il fatto che hai utilizzato due ore della tua giornata per ascoltare bella musica, non può che farmi piacere, la bellezza dei locali serve proprio a questo… Cin cin !

      "Mi piace"

Rispondi a Enri1968 Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

LIBRI

GUIDO SPERANDIO

filosofeggiando in allegrezza

Diario di bordo di un ingegnere in giro per il mondo

Fantastici Stonati

Ci vuole molta fantasia per essere all'altezza della realtà

Zurumpat!

Un blog di Giusi Sciortino (Giuseppina)

graziadenaro.wordpress.com/

Mandorle e sale Poesie

Il primo amore

qui si beve di tutto: servitevi !!!

Low Profile

Vôla bas e schîva i sas

Lividi e Musica

La buona musica fa male

La dimora dello sguardo

qui si beve di tutto: servitevi !!!

fardrock.wordpress.com/

Ovvero: La casa piena di dischi - Webzine di canzonette e affini scritta da Joyello Triolo

a closer listen

a home for instrumental and experimental music

Off Topic

Solo contenuti originali

Black roses for me

The pleasure and the pain by Marianne Peyronnet

Rock And Roll

& Other Sounds

Reverendo Lys ®

Tutto ciò che so e che mi importa della vita è chiuso tra 7 e 12 pollici di vinile nero.

Sun 13

The Best Music - from Liverpool to Beyond

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: